HomeNewsLa crescita degli abbonati di Disney streaming supera le stime passate, poiché l’azienda batte in cima e in fondo

La crescita degli abbonati di Disney streaming supera le stime passate, poiché l’azienda batte in cima e in fondo

News Team

Se la crescita degli abbonati di Disney+ è indicativa, le voci secondo cui il mercato globale dello streaming si sta avvicinando alla saturazione si sono rivelate false.

Mercoledì, la Walt Disney Co (NYSE: DIS) ha riferito che il totale degli abbonamenti Disney+ è salito a 152,1 milioni durante il terzo trimestre fiscale, un valore superiore alle previsioni di 147 milioni di analisti, secondo StreetAccount.

Alla fine del terzo trimestre fiscale, Hulu aveva 46,2 milioni di abbonati e ESPN+ 22,8 milioni. Insieme, Hulu, ESPN+ e Disney+ hanno oltre 221 milioni di abbonati in streaming. Netflix Inc (NASDAQ: NFLX), da tempo leader nello spazio di streaming, ha avuto 220 milioni di abbonati, secondo il conteggio più recente.

Le azioni Disney sono aumentate di oltre il 6% dopo la campana di chiusura.

Lo spazio di streaming è stato in uno stato di sconvolgimento nelle ultime settimane, poiché Netflix ha rivelato un altro calo degli abbonati e Warner Bros. Discovery ha annunciato un cambiamento nella strategia dei contenuti. Mentre Netflix prevede un rimbalzo della crescita degli abbonati, l’incertezza ha lasciato analisti e investitori a chiedersi cosa riserva il futuro per il settore in generale.

Sempre mercoledì, la società ha svelato una nuova struttura dei prezzi che incorpora un Disney+ supportato dalla pubblicità come parte di uno sforzo per rendere redditizia la sua attività di streaming.

Durante il terzo trimestre fiscale Disney+, Hulu ed ESPN+ si sono uniti per perdere 1,1 miliardi di dollari, riflettendo il maggior costo dei contenuti sui servizi. Anche le entrate medie per utente di Disney+ per Disney+ sono diminuite del 5% nel trimestre negli Stati Uniti e in Canada a causa del numero maggiore di clienti che accettano offerte multiprodotto più convenienti.

A partire dall’8 dicembre negli Stati Uniti, Disney+ con pubblicità sarà di $ 7,99 al mese, attualmente il prezzo di Disney+ senza pubblicità. Il prezzo di Disney+ senza pubblicità aumenterà del 38% a $ 10,99, con un aumento di $ 3 al mese.

Inoltre, la Disney ha abbassato le sue previsioni per il 2024 per Disney+ da 215 milioni a 245 milioni di abbonati, in calo di 15 milioni sia nella fascia bassa che nella fascia alta della precedente guida dell’azienda.

La Disney aveva precedentemente fissato la sua guida Disney+ a dicembre 2020 da 230 milioni a 260 milioni entro la fine dell’anno fiscale 2024. La società ha riaffermato la sua aspettativa che Disney+ diventerà redditizia entro la fine del suo anno fiscale 2024.

Nel complesso, la Disney ha registrato guadagni migliori del previsto sia nella linea superiore che in quella inferiore, sostenuta dall’aumento della spesa nei suoi parchi a tema domestici.

Ecco i risultati:

  • Utile per azione: $ 1,09 per azione contro i 96 centesimi previsti, secondo un sondaggio Refinitiv degli analisti.
  • Entrate: $ 21,5 miliardi contro $ 20,96 miliardi previsti, secondo Refinitiv.
  • Abbonamenti totali Disney+: 152,1 milioni contro 147,76 milioni previsti, secondo StreetAccount.

Grande quartiere per i parchi

La divisione parchi, esperienze e prodotti Disney ha registrato un aumento dei ricavi del 72% a 7,4 miliardi di dollari durante il trimestre, rispetto ai 4,3 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. La compagnia ha affermato di aver visto un aumento delle presenze, pernottamenti occupati e partenze delle navi da crociera.

Ha anche pubblicizzato che i suoi nuovi prodotti Genie+ e Lightning Lane hanno contribuito ad aumentare le entrate medie pro capite dei biglietti durante il trimestre. Queste nuove funzionalità digitali sono state introdotte per curare l’esperienza degli ospiti e consentire ai frequentatori del parco di aggirare le linee per le principali attrazioni.

La società ha affermato di essere stata in grado di riportare esperienze nel parco come incontri con i personaggi, spettacoli teatrali ed eventi notturni a Disneyland, il che le ha permesso di aumentare la capacità dei suoi parchi, ha affermato il CEO Bob Chapek durante i guadagni dell’azienda chiama mercoledì. La Disney ha posto limiti alle presenze da quando ha riaperto dopo il round iniziale di chiusure pandemiche all’inizio del 2020 e ha istituito un nuovo sistema di prenotazione online per controllare la folla.

“Per quanto riguarda la domanda, non abbiamo ancora visto la domanda diminuire e abbiamo ancora molti giorni in cui le persone non possono ottenere prenotazioni”, ha affermato Christine McCarthy, direttore finanziario della Disney, durante la chiamata sugli utili della società. “Quindi, stiamo ancora vedendo una domanda in eccesso rispetto alle prenotazioni che stiamo mettendo a disposizione dei nostri ospiti.”

La spesa pro capite nei parchi domestici è aumentata del 10% durante il trimestre più recente, rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso ed è superiore di oltre il 40% rispetto all’anno fiscale 2019, ha affermato la società. L’occupazione negli hotel nazionali nel terzo trimestre è stata del 90%.

Chapek ha indicato i nuovi Guardiani della Galassia Cosmic Rewind di EPCOT, il lancio di Disney Wish e l’apertura dell’Avenges Campus a Parigi Disneyland come offerte migliorate per gli ospiti che hanno indirizzato traffico e entrate a questa divisione.

McCarthy ha osservato che i visitatori internazionali dei parchi nazionali hanno continuato a tornare lentamente. Tradizionalmente, questi frequentatori del parco rappresentano dal 17% al 20% circa degli ospiti totali.

“Ci aspettiamo che le visite internazionali quando sono completamente tornate siano effettivamente additive ai margini, perché quegli ospiti tendono a rimanere più a lungo nei parchi e spendono anche più soldi quando sono lì”, ha detto.