HomeImparareLa differenza tra analisi fondamentale e tecnica

La differenza tra analisi fondamentale e tecnica

Investitori e analisti utilizzano regolarmente l'analisi fondamentale e tecnica per ricercare e anticipare i movimenti di prezzo dei titoli. Sebbene entrambi siano utilizzati per fornire informazioni sui mercati e sui loro prezzi, c'è una differenza significativa tra i due.

Che cos'è l'analisi fondamentale?

In parole povere, l'analisi fondamentale valuta i titoli esplorando il loro valore intrinseco. Quando utilizzano l'analisi fondamentale, gli investitori e gli analisti conducono ricerche approfondite sull'economia generale e sul settore a cui sono interessati, nonché sulla salute finanziaria delle singole società.

Per essere più specifici, l'analisi fondamentale copre tutte le metriche e gli indicatori importanti, inclusi profitti, spese, attività, debito, passività e altro ancora.

Che cos'è l'analisi tecnica?

Contrariamente all'analisi fondamentale, l'analisi tecnica si concentra sul rilevamento delle opportunità di mercato analizzando le informazioni statistiche, in particolare il prezzo e il volume di un titolo. Gli analisti tecnici basano le loro convinzioni sul presupposto che tutti i fondamentali siano già integrati nel prezzo, quindi non c'è motivo significativo per guardarli da vicino.

Quindi, invece di concentrarsi sul valore intrinseco, l'analisi tecnica si basa sui grafici azionari per identificare determinati modelli e tendenze per prevedere i movimenti futuri dei prezzi.

Le differenze chiave

L'approccio alla valutazione dei titoli tra analisi fondamentale e tecnica è diverso sin dall'inizio. Questo perché gli analisti tecnici in genere iniziano studiando i grafici dei prezzi mentre gli analisti fondamentali esaminano prima i rendiconti finanziari di un'azienda.

Più in particolare, l'analisi fondamentale si concentra sulla valutazione del valore intrinseco di un'azienda attraverso l'analisi del suo bilancio, dei rendiconti finanziari e dei flussi di cassa. Per fare ciò, analisti e investitori ignorano i valori dei flussi di cassa futuri attesi.

Se le azioni di una società vengono scambiate al di sotto del valore intrinseco determinato, sono generalmente viste come un'interessante opportunità di investimento. D'altra parte, se il prezzo dell'azione viene scambiato al di sopra del suo valore intrinseco, l'azione è considerata sopravvalutata.

Oltre alle differenze nell'approccio generale, l'analisi fondamentale e quella tecnica differiscono anche in termini di orizzonte temporale. Normalmente, l'analisi fondamentale si concentra maggiormente sull'identificazione di opportunità di investimento a lungo termine, rispetto all'analisi tecnica che adotta un approccio a breve termine.

Ad esempio, gli analisti tecnici analizzano i grafici dei prezzi che possono essere visualizzati per mostrare i movimenti dei prezzi nell'arco di una settimana, un solo giorno o anche pochi minuti, rispetto all'analisi fondamentale che copre dati che coprono più trimestri o anni.

Gli analisti tecnici prestano sempre attenzione anche al supporto e alla resistenza, i due livelli di prezzo chiave utilizzati per l'analisi dell'andamento futuro dei prezzi.

La resistenza rappresenta il livello di prezzo in cui l'interesse di vendita è abbastanza forte da impedire al prezzo del titolo di aumentare ulteriormente. Al contrario, il supporto è la zona di prezzo in cui l'interesse all'acquisto è aumentato, quindi impedisce al titolo in calo di scendere ulteriormente nel prezzo, rendendo più probabile che "rimbalzi" e invertano la tendenza.

Inoltre, gli investitori che utilizzano l'analisi fondamentale a volte devono aspettare molto tempo prima di identificare il valore intrinseco di un'azienda nel mercato. Questi investitori ritengono che il prezzo di un titolo sia valutato in modo errato nel breve termine, presumendo che vedrà una correzione in futuro, un processo che può durare anche diversi anni.

La maggior parte delle informazioni esaminate dagli analisti fondamentali sono le informazioni che vengono divulgate trimestralmente o annualmente, come i rendiconti finanziari e le variazioni degli utili, rispetto all'analisi tecnica che si concentra su informazioni che cambiano ogni giorno. Questo è uno dei motivi per cui l'analisi fondamentale utilizza un lasso di tempo a lungo termine poiché i dati che utilizza per condurre l'analisi vengono generati e rilasciati in modo significativamente più lento.

Date tutte le differenze tra analisi fondamentale e tecnica, i due differiscono anche in termini di obiettivo finale. In altre parole, coloro che si affidano all'analisi tecnica in genere si concentrano sul rilevamento delle opportunità di mercato a breve e medio termine per realizzare un profitto mentre gli investitori che utilizzano l'analisi fondamentale fanno mosse a lungo termine, scommettendo sul futuro del business sottostante di un'azienda.

È sicuro dire che l'analisi tecnica è stata spesso criticata per la sua validità in passato. Tuttavia, anche se la maggior parte degli analisti di Wall Street preferisce utilizzare l'analisi fondamentale, ci sono molte aziende che assumono ancora analisti tecnici.

Coloro che sono scettici sull'analisi tecnica e sulla sua efficienza basano le loro critiche principalmente sull'ipotesi del mercato efficiente (EMH) che afferma che la maggior parte delle informazioni precedenti ha già un prezzo nel titolo.

In altre parole, questa ipotesi afferma che i titoli scambiano sempre al loro vero valore di mercato, il che significa che l'idea alla base del valore intrinseco e delle azioni sottovalutate/sopravvalutate è irrilevante. In quanto tale, l'EMH afferma che nessuno può sovraperformare il mercato in generale attraverso il market timing e titoli sottovalutati e che l'unico modo per ottenere rendimenti sostanziali è investire in attività più rischiose.

Usandoli insieme

Sebbene in genere l'analisi fondamentale e tecnica sia vista come l'esatto opposto quando si analizzano i titoli, alcuni investitori preferiscono utilizzare i due metodi insieme per cercare di aumentare il proprio successo nell'investimento.

Un esempio comune di ciò è l'utilizzo dell'analisi fondamentale per rilevare un titolo sottovalutato e quindi l'utilizzo dell'analisi tecnica per identificare il miglior punto di ingresso e di uscita. Questo approccio può dare i suoi frutti soprattutto quando la sicurezza è estremamente ipervenduta, anche se fare la mossa troppo presto potrebbe portare a perdite significative.

L'analisi tecnica può anche essere particolarmente efficace per rilevare punti di ingresso interessanti per i titoli in crescita che sono in aumento. I titoli con alti tassi di crescita e valutazioni redditizie tendono a vedere grandi correzioni di prezzo e, in questo caso, l'analisi tecnica può essere utilizzata per rilevare i livelli di ipervenduto.

È importante sapere che le azioni possono continuare a crescere per molto tempo dopo essere state sopravvalutate. Ecco perché la vendita di titoli solo perché sopravvalutati può portare a perdere un significativo aumento dei prezzi e, per questo motivo, i trader possono analizzare le tendenze di prezzo e volume per mantenere il titolo fino a quando lo slancio non svanisce.

D'altra parte, se un titolo viene scambiato intorno al suo valore equo, non sarebbe sorprendente vedere il prezzo consolidarsi o continuare a negoziare all'interno del suo range. In tal caso, i trader possono fare affidamento su indicatori tecnici per rimanere all'interno di tale intervallo, mentre i fondamentali del titolo rimangono gli stessi.

Inoltre, a volte i trader che si affidano all'analisi tecnica analizzeranno i fondamenti del titolo per rafforzare il loro processo decisionale. Ad esempio, un trader tecnico potrebbe prendere in considerazione un breakout prima di un rapporto sugli utili e dare un'occhiata ai fondamentali del titolo per sapere se ci si aspetta che la società superi le stime degli utili.

Anche l'analisi fondamentale e quella tecnica vengono spesso utilizzate insieme per fornire all'investitore un quadro più ampio e chiaro del mercato attuale. Inoltre, alcuni trader tecnici esaminano prima i grafici dei prezzi e quindi analizzano i fondamentali per scoprire se c'è abbastanza domanda e offerta per aumentare il prezzo attraverso livelli di supporto o resistenza.

Conclusione

L'obiettivo principale dell'analisi fondamentale è determinare il valore intrinseco di un'azione. Gli investitori che si affidano all'analisi fondamentale cercano titoli sottovalutati e spesso si concentrano su mosse a lungo termine. Al contrario, i trader che utilizzano l'analisi tecnica guardano principalmente al prezzo e al volume del titolo, spesso ignorandone i fondamentali.

Tuttavia, alcuni esperti usano i due metodi insieme. Un esempio comune è l'utilizzo dell'analisi fondamentale per rilevare un titolo sottovalutato e quindi l'analisi degli indicatori tecnici per rilevare i migliori punti di ingresso e di uscita.

Autore: Mircea Vasiu Aggiornato: July 25, 2022