HomeNewsLe probabilità di una recessione economica stanno aumentando, ma il mercato azionario ha già valutato il suo prezzo e ha trovato il suo fondo, afferma JPMorgan

Le probabilità di una recessione economica stanno aumentando, ma il mercato azionario ha già valutato il suo prezzo e ha trovato il suo fondo, afferma JPMorgan

News Team

Le probabilità di una recessione economica negli Stati Uniti sono in aumento poiché i recenti dati PMI mostrano un calo dell’attività commerciale, le richieste di sussidio di disoccupazione iniziano a crescere e il mercato immobiliare rallenta a causa degli alti tassi ipotecari, ha affermato Marko Kolanovic di JPMorgan in una nota di lunedì.

Ma gli investitori non dovrebbero preoccuparsi perché il calo da inizio anno dell’S&P 500 fino al 24%, combinato con revisioni negative degli utili e uno spostamento dei mercati dei tassi, significa che il mercato azionario ha completamente prezzato in una lieve recessione, secondo il Nota.

“I mercati del rischio sembrano aver in gran parte ignorato i dati economici deboli e semmai i mercati azionari sono rimbalzati nell’ultima settimana”, ha affermato Kolanovic. “Con il picco dei prezzi della Fed probabilmente alle nostre spalle, anche il peggio per i mercati a rischio e la volatilità del mercato dovrebbe essere alle nostre spalle”.

Con l’aumento delle probabilità di una recessione economica, potrebbe aprire le porte a una Fed più equilibrata che alla fine porta a un minor numero di rialzi dei tassi di interesse. Questo perché le recessioni, anche quelle lievi, spesso producono uno shock deflazionistico, che sarebbe un segnale positivo per i politici che hanno cercato di domare i massimi di 40 anni di inflazione.

“Una recessione che aumenta materialmente la disoccupazione probabilmente produrrà un dividendo disinflazionistico altrettanto ampio ora”, ha affermato Kolanovic.

Per posizionarsi per la potenziale dinamica di una lieve recessione che è già prezzata nel mercato azionario, ritiene che i titoli growth sovraperformeranno i titoli value quando i rendimenti obbligazionari si rialzeranno, i prezzi delle materie prime diminuiranno e il dollaro USA potenzialmente raggiungerà picchi.

“Riteniamo che questo sia uno degli angoli che sta inaugurando la fase di ‘dati scadenti iniziano a essere visti come buoni’,” ha detto Kolanovic.

“Nel complesso, mentre le probabilità di recessione sono in aumento alla luce dei dati economici più deboli, riteniamo che almeno una lieve recessione sia già nel prezzo. Rimaniamo quindi cautamente ottimisti”, ha concluso.