HomeNewsNike cade tra l’erosione della redditività e l’accumulo di scorte

Nike cade tra l’erosione della redditività e l’accumulo di scorte

News Team

Le azioni di Nike Inc (NYSE: NKE) sono crollate dopo l’aumento delle scorte e il gigante dell’abbigliamento sportivo è stato costretto a far passare sconti che hanno danneggiato la redditività.

Costi di trasporto più elevati, ribassi ed effetti dei cambi hanno pesato sulla redditività nel primo trimestre fiscale terminato il 31 agosto, con un margine lordo del 44,3% inferiore alle aspettative di Wall Street. Le scorte nordamericane sono aumentate del 65% e giovedì il gigante delle calzature ha anche declassato le sue prospettive per l’intero anno.

Le azioni sono scese dell’8,9% nel trading pre-mercato a New York, dopo essere scese del 43% quest’anno fino alla chiusura di giovedì. La preoccupazione per la mancanza di potere di determinazione dei prezzi ha pesato sui rivali in Europa venerdì, con le azioni Adidas AG in calo fino al 4,4% e Puma SE in calo fino al 5,3%.

“Stiamo intraprendendo un’azione decisiva per eliminare le scorte in eccesso”, ha detto Matt Friend, Chief Financial Officer di Nike, in una chiamata con gli analisti. Ha affermato che ciò dovrebbe avere “un impatto transitorio sui margini lordi quest’anno fiscale”, ma ha aggiunto che “questo costo sarà di gran lunga superato dal vantaggio di liberare la capacità del mercato”.

Nike è l’ultima azienda alle prese con un panorama economico sempre più complesso iniziato con ritardi nella catena di approvvigionamento e congestione portuale. Quando le aziende sono state in grado di rifornire gli scaffali dei negozi, la domanda è cambiata poiché l’inflazione ostinatamente alta erode il potere d’acquisto di alcuni consumatori. Nel caso di Nike, i problemi di spedizione hanno causato un aumento della merce fuori stagione. Inoltre, l’inarrestabile rialzo del dollaro ha frenato i risultati di altri paesi.

La società ora vede il margine lordo scendere da 200 a 250 punti base quest’anno fiscale, rispetto a una precedente previsione secondo cui l’indicatore della redditività sarebbe piatto o diminuirebbe fino a 50 punti base. L’erosione dei margini dovrebbe essere particolarmente marcata nel secondo trimestre della società. Mentre le vendite per l’intero anno dovrebbero ancora crescere in un intervallo basso a due cifre quando si adegua alla valuta, l’espansione reale è ora vista in un intervallo di cifre basse e medie.

Nike, in particolare, ha lottato per risolvere i problemi logistici derivanti dalla congestione portuale e dai loggam delle spedizioni. Le scorte complessive sono aumentate del 44% nell’ultimo trimestre rispetto all’anno precedente. Anche la quantità di merce in transito è aumentata, anche se i dirigenti hanno notato che i tempi di spedizione stanno migliorando.

Risultati in Cina

La Cina, che ha visto la sua politica Covid Zero pesare sull’economia, rappresenta un altro grattacapo. Nike ha affermato che le vendite sono diminuite del 16% nella sua regione della Grande Cina nel trimestre.

Nonostante la domanda volatile, i dirigenti hanno affermato di vedere ancora il paese come un mercato in crescita a lungo termine e si sono impegnati a continuare a pompare investimenti nella regione.

L’amministratore delegato John Donahoe ha affermato che i consumatori cinesi stanno uscendo dalle restrizioni pandemiche con un appetito da spendere e l’azienda si aspetta che i risultati inizino a migliorare. Ha aggiunto che anche la domanda del Nord America è robusta. Le vendite del primo trimestre nella regione natale di Nike hanno superato le stime degli analisti.

A livello globale, le vendite sono aumentate del 10% su base valuta neutrale nel periodo. Le entrate totali sono state di $ 12,7 miliardi, al di sopra della stima media degli analisti di $ 12,3 miliardi, ma quelle vendite sono state meno redditizie in mezzo ai ribassi. L’utile per azione ha mancato le aspettative.