HomeNewsL’Australia chiede ad Apple, Meta e Microsoft di condividere misure anti-abuso, minaccia multe

L’Australia chiede ad Apple, Meta e Microsoft di condividere misure anti-abuso, minaccia multe

News Team

Un regolatore australiano ha inviato lettere legali al proprietario di Facebook Meta Platforms Inc (NASDAQ: META), Apple Inc (NASDAQ: AAPL) e Microsoft Corporation (NASDAQ: MSFT) chiedendo loro di condividere le loro strategie per eliminare materiale pedopornografico sulle loro piattaforme o affrontare multe.

L’e-Safety Commissioner, un organismo istituito per proteggere gli utenti di Internet, ha affermato di aver utilizzato le leggi entrate in vigore a gennaio per costringere i giganti della tecnologia a rivelare le misure che stavano adottando per rilevare e rimuovere materiale abusivo entro 28 giorni. In caso contrario, ciascuna società dovrebbe affrontare una multa di A $ 555.000 ($ 383.000) al giorno.

La minaccia sottolinea l’approccio intransigente dell’Australia alla regolamentazione delle aziende Big Tech dal 2021, che finora ha incluso leggi che li obbligano a pagare i media per la visualizzazione dei loro contenuti e leggi che li obbligano a fornire dettagli di account anonimi che pubblicano materiale diffamatorio.

Le società Internet sono state nel frattempo sotto pressione in tutto il mondo per trovare un modo per monitorare i servizi di messaggistica e streaming crittografati per materiale pedopornografico senza invadere la privacy degli utenti.

“Questa attività non è più confinata negli angoli nascosti del dark web, ma è prevalente sulle piattaforme tradizionali che noi e i nostri figli usiamo ogni giorno”, ha affermato il commissario Julie Inman Grant in una nota.

“Man mano che sempre più aziende si spostano verso servizi di messaggistica crittografati e implementano funzionalità come il livestreaming, il timore è che questo orribile materiale si diffonda incontrollato su queste piattaforme”, ha aggiunto.

Un portavoce di Microsoft, che possiede il servizio di videochiamata Skype, ha affermato che la società ha ricevuto la lettera e prevede di rispondere entro 28 giorni.

Un portavoce di Meta, che possiede anche il servizio di messaggistica WhatsApp, ha affermato che la società sta ancora rivedendo la lettera, ma ha continuato a “impegnarsi in modo proattivo con il Commissario per la sicurezza elettronica su queste importanti questioni”.

Apple, che possiede il servizio di messaggistica video FaceTime, il servizio di messaggistica iMessage e il servizio di archiviazione di foto iCloud, non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cerca di commento.

Il commissario eSafety ha fatto riferimento ai dati forniti dal Centro nazionale statunitense per i bambini scomparsi e sfruttati, che ha affermato di aver ricevuto quest’anno 29,1 milioni di segnalazioni di materiale pedopornografico da società Internet, di cui solo 160 da Apple e 22 milioni da Facebook.

($ 1 = 1,4499 dollari australiani).