HomeNewsLe azioni statunitensi cadono a causa della minaccia di aumenti dei tassi di interesse

Le azioni statunitensi cadono a causa della minaccia di aumenti dei tassi di interesse

News Team

I mercati azionari negli Stati Uniti hanno chiuso in ribasso lunedì a causa delle preoccupazioni che la banca centrale del paese spingerà avanti con ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, ha affermato che gli aumenti continueranno nel tentativo di arginare il tasso di aumento dei prezzi.

Il Dow Jones Industrial Average, l’indice tecnologico Nasdaq e l’S&P 500 hanno chiuso tutti in ribasso.

L’inflazione negli Stati Uniti è ai massimi di quattro decenni e l’economia statunitense si è ridotta per due trimestri consecutivi.

Quella pietra miliare in molti paesi sarebbe considerata una recessione economica, ma non è classificata come tale negli Stati Uniti, che utilizzano dati aggiuntivi per fare quella chiamata.

La caduta di lunedì ha esteso le forti perdite di venerdì quando il signor Powell ha detto a un raduno di banchieri centrali al Jackson Hole Economic Symposium nel Wyoming che la Fed americana avrebbe agito “con forza” per controllare l’inflazione, anche se ciò avrebbe comportato “un po’ di dolore” per famiglie e imprese.

Ha affermato: “Il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà del tempo e richiede l’uso forzato dei nostri strumenti per portare domanda e offerta in un migliore equilibrio”.

“Sebbene tassi di interesse più elevati, crescita più lenta e condizioni del mercato del lavoro più deboli ridurranno l’inflazione, porteranno anche un po’ di sofferenza alle famiglie e alle imprese. Questi sono gli sfortunati costi della riduzione dell’inflazione. Ma il mancato ripristino della stabilità dei prezzi significherebbe un dolore molto maggiore”.

Lunedì, il Dow Jones ha chiuso in ribasso dello 0,57%, mentre l’S&P 500 è sceso dello 0,67% e il Nasdaq dell’1,02%.

Il calo segue il forte calo di Wall Street venerdì, con tutti e tre i benchmark in calo di oltre il 3%. Il Nasdaq ha registrato la sua peggiore performance giornaliera da giugno.

I titoli tecnologici Apple Inc (NASDAQ: AAPL), Microsoft Corporation (NASDAQ: MSFT) e Tesla Inc (NASDAQ: TSLA) sono scesi tutti tra l’1,07% e l’1,37% alla chiusura delle contrattazioni di lunedì.

Gli investitori temono che se la crescita economica vacilla, tassi di interesse più elevati aumenteranno la probabilità di una recessione.

“Gli investitori stanno venendo a patti con l’idea che la Fed sia seriamente intenzionata a frenare l’inflazione”, ha affermato Rod von Lipsey, amministratore delegato di UBS Private Wealth Management.

La banca centrale ha alzato i tassi di interesse negli ultimi mesi in risposta alla spirale dei prezzi. Tassi più elevati rendono l’indebitamento più costoso per privati e aziende, il che potrebbe rallentare la crescita economica e l’inflazione.

La Federal Reserve ha aumentato il suo tasso chiave di 0,75 punti percentuali, puntando a un intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,5%, a luglio. A marzo, il tasso di riferimento della Federal Reserve era quasi zero.