HomeNewsGli Stati Uniti e la Cina sono un passo più vicini per impedire il delisting di azioni come Alibaba. Cosa guardare dopo

Gli Stati Uniti e la Cina sono un passo più vicini per impedire il delisting di azioni come Alibaba. Cosa guardare dopo

News Team

PECHINO — Gli Stati Uniti e la Cina hanno recentemente compiuto un primo passo significativo per impedire che le azioni cinesi quotate negli Stati Uniti come Alibaba Group Holding Ltd – ADR (NYSE: BABA) vengano espulse dalle borse statunitensi.

Quello che deve succedere dopo è un’ispezione sul campo regolare in Cina da parte degli Stati Uniti con il supporto adeguato delle autorità cinesi, hanno affermato gli analisti.

“Molti dettagli di implementazione probabilmente possono essere scoperti solo dalle società di revisione e dal [Ministero delle finanze] – insieme alla [China Securities Regulatory Commission] – attraverso prove di audit su casi reali nell’ambito di questo accordo senza precedenti”, ha affermato Winston Ma, professore a contratto di diritto alla New York University.

Il Consiglio di sorveglianza della contabilità delle società pubbliche statunitensi ha affermato che i suoi ispettori arriveranno a Hong Kong a metà settembre, poco dopo la quale “tutti i documenti di lavoro di audit richiesti dal PCAOB devono essere messi a loro disposizione”.

I documenti di lavoro di revisione differiscono dalle informazioni effettive sulle società raccolte dalle società di revisione.

I documenti di lavoro registrano la procedura di audit, i test, le informazioni raccolte e le conclusioni sulla revisione, secondo il sito Web PCAOB. Non è chiaro quale livello di informazioni altamente sensibili, se del caso, verrebbe incluso nei documenti di lavoro.

La capacità degli Stati Uniti di ispezionare quei documenti di lavoro per le società cinesi quotate negli Stati Uniti è stata una disputa lunga anni. Gli sviluppi politici e legali degli Stati Uniti negli ultimi due anni hanno accelerato la minaccia che le società cinesi potrebbero dover rimuovere dalle borse statunitensi.

Una svolta è arrivata alla fine di agosto, quando la PCAOB e la China Securities Regulatory Commission hanno firmato un accordo di cooperazione che ha gettato le basi normative per consentire le ispezioni statunitensi delle società di revisione all’interno dei confini della Cina.

Questo secondo le dichiarazioni di entrambi gli enti governativi, che hanno anche affermato che il ministero delle Finanze cinese ha firmato l’accordo.

“Vedo questo come un grande ‘progresso’, il che significa che entrambe le parti erano disposte a compiere passi per portare avanti questo obiettivo”, ha affermato Stephanie Tang, responsabile del private equity per la Grande Cina e partner di Hogan Lovells.

“Il soggetto o il pubblico di questa indagine PCAOB sarebbero le società di revisione”, ha detto, sottolineando che non è una contabile.

Necessità di maggiore chiarezza di attuazione

Le società di contabilità registrate in Cina sono supervisionate dal Ministero delle Finanze, il che lo rende il leader dalla parte cinese dei prossimi passi, ha affermato Ming Liao, socio fondatore di Prospect Avenue Capital, con sede a Pechino.

Tuttavia, c’è incertezza sull’attuazione dell’accordo in quanto ha stabilito solo un quadro, hanno affermato gli analisti.

“Le nostre società di contabilità non sanno ancora come procedere”, ha affermato Peter Tsui, presidente dell’Associazione dei revisori interni cinesi con sede a Hong Kong. Questo è secondo una traduzione della CNBC delle sue osservazioni in lingua mandarina giovedì.

Ha detto che rimangono domande su quali informazioni le aziende dovrebbero condividere per rimanere conformi alla normativa cinese.

“Dateci alcune linee guida”, ha detto Tsui.

Tsui ha affermato che le ispezioni dovrebbero procedere senza intoppi se si tratta solo di una questione di contabili da entrambe le parti e non vi è alcuna interferenza politica da parte degli Stati Uniti. Ha detto che le quattro grandi società di contabilità – KPMG, PwC, Deloitte ed EY – sono membri dell’associazione.

Il ministero delle Finanze cinese non ha ancora rilasciato una dichiarazione pubblica sull’accordo di cooperazione in materia di audit. Il ministero non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNBC.

Uno degli sviluppi che Liao di Prospect Avenue Capital sta osservando è se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping si incontreranno di persona questo autunno per la prima volta sotto l’amministrazione Biden. Ciò potrebbe accelerare un accordo finale sulla controversia di audit, ha affermato.

“Alla fine, la risoluzione del problema della carta di lavoro dell’audit si basa sull’interazione politica tra Cina e Stati Uniti”, ha affermato Liao in cinese, secondo una traduzione della CNBC. “Con la fiducia, questo problema può essere risolto molto facilmente.”

Una decisione entro fine anno

Il PCAOB ha affermato che a dicembre deciderà se la Cina stia ancora ostacolando l’accesso alle informazioni di audit.

Le autorità di regolamentazione statunitensi probabilmente “cominceranno a sapere in ottobre o novembre” quale determinazione farà il PCAOB sul fatto che le società cinesi quotate negli Stati Uniti potrebbero essere dirette al delisting, Gary Gensler, presidente della US Securities and Exchange Commission, ha detto alla fine a David Faber della CNBC. Agosto.

Alibaba e molte altre società cinesi quotate negli Stati Uniti hanno iniziato negli ultimi anni a emettere azioni a Hong Kong, in parte visto come un modo per proteggersi da un potenziale delisting dalle borse statunitensi. Dall’IPO negli Stati Uniti della società cinese di servizi di trasporto passeggeri Didi nell’estate del 2021, Pechino ha anche aumentato il controllo sulle società cinesi che desiderano quotarsi all’estero.

L’incertezza politica combinata ha rallentato il flusso di IPO cinesi negli Stati Uniti, in particolare delle società più grandi.

Dal 1 luglio 2021, 16 società cinesi sono quotate negli Stati Uniti, escluse le società di acquisizione per scopi speciali, secondo Renaissance Capital. Nel 2020, 30 società con sede in Cina erano quotate negli Stati Uniti, ha affermato l’azienda.

In termini di valore, le cinque maggiori partecipazioni istituzionali statunitensi di azioni cinesi quotate negli Stati Uniti sono: Alibaba, JD.com, Pinduoduo, NetEase e Baidu. Questo secondo la ricerca Morgan Stanley del 26 agosto.