HomeNewsAzioni eye 3% di perdita settimanale, dollaro alle stelle prima dei dati sui lavori negli Stati Uniti

Azioni eye 3% di perdita settimanale, dollaro alle stelle prima dei dati sui lavori negli Stati Uniti

News Team

Le azioni mondiali si stavano dirigendo verso una perdita del 3% durante la settimana, mentre il dollaro ha toccato i massimi da 24 anni contro lo yen per un secondo giorno venerdì prima dei dati chiave sull’occupazione negli Stati Uniti, mentre gli investitori si preparano agli aumenti aggressivi dei tassi da parte della Federal Reserve.

Anche i nuovi blocchi in Cina stanno alimentando le preoccupazioni per la crescita globale, mentre gli elevati costi energetici dovuti alla guerra in Ucraina stanno pesando sui mercati europei.

“Il mercato è focalizzato al laser su quanto aggressiva sarà la Fed con il suo ciclo di rialzo”, ha affermato Giles Coghlan, capo analista valutario di HYCM, sottolineando che le aspettative per tassi più elevati si sono solidificate da un discorso della scorsa settimana del presidente della Fed Jerome Powell alla conferenza delle banche centrali di Jackson Hole.

I mercati sono preoccupati per “il rallentamento della Cina, la recessione della zona euro e una Fed aggressiva”, ha aggiunto.

L’indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS) si è mantenuto al di sopra dei minimi di 6 settimane stabiliti nella sessione precedente, ma si stava dirigendo verso la sua terza settimana consecutiva di perdite.

I futures S&P statunitensi sono rimasti piatti dopo che l’indice S&P 500 (.SPX) è salito dello 0,3% giovedì.

Si prevede che i dati sui salari non agricoli negli Stati Uniti di agosto previsti alle 12:30 GMT di venerdì mostrino che il mese scorso sono stati aggiunti 300.000 posti di lavoro, mentre la disoccupazione si è attestata al 3,5%.

Si osservano dati forti che rafforzano la capacità della Fed di aumentare i tassi per frenare l’inflazione senza frenare la crescita.

I mercati dei futures hanno prezzato fino al 75% di possibilità che la Fed aumenti di 75 punti base nella riunione politica di settembre, rispetto a una probabilità del 69% un giorno fa.

Anche le azioni europee (.STOXX) si sono ritirate dai minimi di 6 settimane di giovedì, guadagnando lo 0,5%, mentre il FTSE (.FTSE) britannico è salito dello 0,4%.

In Europa, i timori di una recessione sono in aumento, con un sondaggio di giovedì che mostra che l’attività manifatturiera nella zona euro è nuovamente diminuita il mese scorso, poiché i consumatori che risentono dell’aggravarsi della crisi del costo della vita hanno tagliato la spesa.

Il dollaro USA ha raggiunto i massimi degli ultimi 24 anni contro lo yen a basso rendimento prima di ridurre i guadagni fino a stabilizzarsi a 140,28.

L’indice del dollaro, che misura la sua performance rispetto a un paniere di sei valute, è sceso dello 0,24% dopo aver toccato il massimo degli ultimi 20 anni nella sessione precedente.

L’euro è salito dello 0,4% a $ 0,9985.

Nei mercati obbligazionari, il rendimento delle obbligazioni a due anni di riferimento è sceso di 2 punti base al 3,5006%, mentre il rendimento delle obbligazioni a 10 anni è sceso di 1 pb a 3,2537%.

I rendimenti delle obbligazioni tedesche a 10 anni sono aumentati di 1,5 punti base all’1,579%.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è sceso dello 0,5%, dirigendosi verso la sua peggiore performance settimanale da metà giugno con un calo del 3,6%, poiché le crescenti aspettative di rialzi dei tassi aggressivi globali hanno colpito gli asset rischiosi.

Il Nikkei giapponese (.N225) perde lo 0,1%, le blue chips cinesi (.CSI300) lo 0,5%, l’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) lo 0,9% e la Corea del Sud (.KS11) lo 0,3%.

Giovedì la metropoli cinese sudoccidentale di Chengdu ha annunciato un blocco dei suoi 21,2 milioni di residenti, mentre il centro tecnologico di Shenzhen ha anche implementato nuove regole di distanziamento sociale mentre più città cinesi hanno cercato di combattere i ricorrenti focolai di COVID-19.

Gli analisti di Nomura hanno affermato che ciò che sta diventando più preoccupante è che gli hotspot COVID-19 in Cina si stanno spostando da regioni e città remote a province che contano molto di più per l’economia nazionale cinese.

“Riteniamo che la Cina manterrà la sua politica zero-COVID fino a marzo 2023, quando il rimpasto (leadership) sarà completamente completato, ma ora ci aspettiamo un ritmo più lento di allentamento della politica zero-COVID dopo marzo 2023”, ha affermato Nomura.

I prezzi del petrolio sono crollati del 3% durante la notte prima di recuperare terreno venerdì, ma erano sulla buona strada per registrare forti perdite settimanali a causa dei timori che il COVID-19 frena la Cina e la debole crescita globale colpirà la domanda.

I future sul greggio Brent sono aumentati del 2% a $ 94,15 al barile, mentre i future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono aumentati dell’1,75% a $ 88,34 al barile.

L’oro spot è salito dello 0,35% a $ 1701 l’oncia.