HomeNewsLe azioni Amazon salgono mentre il fatturato del secondo trimestre compensa una perdita netta di $ 2 miliardi

Le azioni Amazon salgono mentre il fatturato del secondo trimestre compensa una perdita netta di $ 2 miliardi

News Team

“Nonostante le continue pressioni inflazionistiche sui costi di carburante, energia e trasporto, stiamo facendo progressi sui costi”, ha affermato il CEO Andy Jazzy.

Amazon Inc (AMZN) ha registrato una seconda perdita trimestrale consecutiva giovedì, ma ha superato le previsioni di vendita su strada e ha registrato solidi guadagni dalla sua divisione cloud leader di mercato, facendo salire le azioni nettamente nel trading after-hour.

Amazon ha affermato che la sua perdita nel secondo trimestre è stata fissata a $ 2 miliardi, o 20 centesimi per azione, in calo rispetto a un profitto di 76 centesimi per azione rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e in particolare al di sotto della previsione di Street consensus di 13 centesimi per azione. La partecipazione di Amazon in Rivian Automotive (RIVN) è costata al gruppo circa 3,9 miliardi di dollari, che ha incluso nelle spese di reddito non operative.

I ricavi sono aumentati del 7,2% rispetto allo scorso anno a 121,2 miliardi di dollari, saldamente al di sopra delle stime degli analisti di un conteggio di 119,08 miliardi di dollari. Amazon Web Services ha contribuito con 19,74 miliardi di dollari, in aumento del 33% rispetto allo scorso anno. Anche le vendite di annunci sono state più elevate, con un aumento del 18% a 8,76 miliardi di dollari. Le vendite dei negozi online, tuttavia, sono diminuite del 4,3% a $ 50,885 miliardi.

L’avvertenza sui profitti di Walmart (WMT) dell’inizio di questa settimana, collegata in parte a livelli di inventario superiori alle attese e alle continue pressioni inflazionistiche che hanno ridotto i margini di profitto, aveva posto le basi per una lettura più debole da parte di Amazon.

Tuttavia, con la maggior parte delle sue vendite – il 57% – filtrata da venditori di terze parti, Amazon non ha sofferto dello stesso ingombro di inventario e la sua divisione di servizi web generatrice di denaro ha contribuito a compensare il calo delle vendite online.

“Nonostante le continue pressioni inflazionistiche sui costi di carburante, energia e trasporto, stiamo facendo progressi sui costi più controllabili a cui abbiamo fatto riferimento lo scorso trimestre, migliorando in particolare la produttività della nostra rete di evasione ordini”, ha affermato il CEO Andy Jassy.

“Stiamo anche assistendo a un’accelerazione delle entrate mentre continuiamo a rendere Prime ancora migliore per i membri, sia investendo in velocità di spedizione più elevate, sia aggiungendo vantaggi esclusivi come la consegna gratuita da Grubhub per un anno, l’accesso esclusivo alle partite del Thursday Night Football della NFL a partire da settembre 15, e la pubblicazione dell’attesissima serie Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere il 2 settembre”, ha aggiunto.

Le azioni Amazon sono state contrassegnate in aumento del 12% nel trading after-hour subito dopo il rilascio degli utili per indicare un prezzo di apertura di venerdì di $ 136,98 ciascuno.

Amazon ha completato il suo frazionamento azionario 20 per 1 pianificato all’inizio di giugno, portando il prezzo per azione più vicino in linea con i peer tecnologici a mega capitalizzazione come Apple (AAPL), Alphabet (GOOGL) e Meta Platforms (META).

Guardando al trimestre in corso, Amazon ha affermato di vedere un reddito operativo compreso tra zero e $ 3,5 miliardi, su ricavi compresi tra $ 125 miliardi e $ 130 miliardi, rispetto alla previsione di Refinitiv di circa $ 126,5 miliardi.

“Nonostante un ulteriore aumento del tasso della Fed, la pressione inflazionistica e l’aumento della volatilità del mercato, Amazon ha registrato un forte secondo trimestre”, ha affermato Krista Morgan di Stage, un gruppo di private equity a maggioranza femminile con sede a Denver.

“La società è riuscita a superare le aspettative e superare i giganti della vendita al dettaglio concorrenti, come Walmart, che sono stati costretti a rivalutare i margini di profitto”, ha aggiunto. “Ciò è probabilmente in gran parte dovuto all’attività cloud dell’azienda, Amazon Web Services. Poiché i consumatori si sono allontanati dalla vendita al dettaglio e dai beni elettronici per ridurre i costi, i servizi cloud sono rimasti stabili e richiesti”.