HomeNewsAzione Bed Bath & Beyond: perché potremmo vedere un’altra breve compressione

Azione Bed Bath & Beyond: perché potremmo vedere un’altra breve compressione

News Team

Nonostante l’esodo di Ryan Cohen da BBBY, gli investitori al dettaglio sono ancora interessati al titolo. Ecco cosa dovrebbero sapere gli investitori.

  • Bed Bath & Beyond è stato un ovvio obiettivo di vendita allo scoperto grazie ai suoi fondamentali aziendali in deterioramento.
  • Tuttavia, ci sono molti rischi coinvolti nella vendita allo scoperto di un’azione. Questo è ancora più vero per gli stock di meme.
  • Con la crescente popolarità di Bed Bath & Beyond tra gli investitori al dettaglio, potrebbe non essere ancora finita la partita per BBBY.

Perché i venditori allo scoperto prendono di mira BBBY?

A prima vista, Bed Bath & Beyond Inc (NASDAQ: BBBY) potrebbe sembrare un gioco breve. Ci sono una serie di ragioni per cui. Tra loro:

  • Guadagno cumulativo negativo negli ultimi anni; rendimento degli utili di -72%
  • Sette guadagni mancati nei 10 trimestri precedenti
  • Ritorno sul capitale investito (ROIC) di -26%
  • La liquidità è scesa bruscamente al livello peggiore degli ultimi 10 anni
  • Cash burn di circa mezzo miliardo di dollari nel primo trimestre
  • Debito azionario totale al livello più alto nella storia dell’azienda

Non c’è da meravigliarsi se il galleggiamento corto di Bed Bath & Beyond è quasi del 40%.

Naturalmente, c’è un altro grande motivo per cui BBBY è così attraente per i venditori allo scoperto: Bed Bath & Beyond non ha prospettive chiare per raggiungere la redditività a breve termine.

L’azienda ha registrato un calo della crescita delle vendite del 25% lo scorso anno, rispetto a un massimo del settore del 61%.

L’anno prossimo, le vendite di Bed Bath & Beyond dovrebbero crescere dell’1,7%, il che è meglio delle aspettative del settore di un calo dello 0,6%. Eppure non basta.

Quali sono i rischi di andare allo scoperto su un titolo?

La vendita allo scoperto comporta rischi come perdite illimitate, che non esistono nelle posizioni lunghe in cui il massimo ribasso è il costo del tuo investimento iniziale. Se apri una posizione corta su un titolo che continua a salire, dovrai coprire la differenza per sostituire le azioni prese in prestito.

Inoltre, le commissioni sui prestiti possono variare, a seconda della domanda di posizioni corte in un determinato titolo. Non è raro che il tasso della commissione di prestito di una posizione corta salga dal 20% al 40%, o addirittura all’80%, durante la notte.