HomeNews5 Segni che il mondo è diretto verso una recessione

5 Segni che il mondo è diretto verso una recessione

News Team

In tutto il mondo, i mercati stanno lanciando segnali di allarme che l’economia globale sta barcollando sull’orlo di un precipizio.

La questione di una recessione non è più se, ma quando.

Nell’ultima settimana, il battito di quelle luci rosse lampeggianti si è accelerato mentre i mercati si confrontavano con la realtà – un tempo speculativa, ora certa – che la Federal Reserve andrà avanti con la sua campagna di stretta monetaria più aggressiva degli ultimi decenni per strappare l’inflazione dall’economia statunitense. Anche se ciò significa innescare una recessione. E anche a spese dei consumatori e delle imprese ben oltre i confini degli Stati Uniti.

Ora c’è una probabilità del 98% di una recessione globale, secondo la società di ricerca Ned Davis, che porta sul tavolo una certa credibilità storica. La lettura della probabilità di recessione dell’azienda è stata così alta solo due volte prima, nel 2008 e nel 2020.

Quando gli economisti avvertono di una flessione, in genere basano la loro valutazione su una varietà di indicatori.

Scopriamo cinque tendenze chiave:

Il potente dollaro USA

Il dollaro USA svolge un ruolo smisurato nell’economia globale e nella finanza internazionale. E in questo momento, è più forte di quanto non sia stato in due decenni.

La spiegazione più semplice torna alla Fed.

Quando la banca centrale statunitense alza i tassi di interesse, come sta facendo da marzo, rende il dollaro più attraente per gli investitori di tutto il mondo.

In qualsiasi clima economico, il dollaro è visto come un posto sicuro dove parcheggiare i tuoi soldi. In un clima tumultuoso – una pandemia globale, per esempio, o una guerra nell’Europa orientale – gli investitori sono ancora più incentivati ad acquistare dollari, di solito sotto forma di titoli di stato statunitensi.

Mentre un dollaro forte è un bel vantaggio per gli americani che viaggiano all’estero, crea mal di testa a quasi tutti gli altri.

Il valore della sterlina britannica, dell’euro, dello yuan cinese e dello yen giapponese, tra molti altri, è crollato. Ciò rende più costoso per quelle nazioni importare beni essenziali come cibo e carburante.

In risposta, le banche centrali che stanno già combattendo l’inflazione indotta dalla pandemia finiscono per aumentare i tassi più in alto e più velocemente per sostenere il valore delle proprie valute.

La forza del dollaro crea anche effetti destabilizzanti per Wall Street, poiché molte delle società dell’S&P 500 fanno affari in tutto il mondo. Secondo una stima di Morgan Stanley, ogni aumento dell’1% dell’indice del dollaro ha un impatto negativo dello 0,5% sugli utili dell’S&P 500.

Il motore economico americano si spegne

Il motore n. 1 della più grande economia mondiale è lo shopping. E gli acquirenti americani sono stanchi.

Dopo più di un anno di aumento dei prezzi su quasi tutto, con salari che non tengono il passo, i consumatori si sono tirati indietro.

“Le difficoltà causate dall’inflazione significano che i consumatori stanno attingendo ai loro risparmi”, ha detto venerdì in una nota l’economista capo di EY Parthenon Gregory Daco. Il tasso di risparmio personale ad agosto è rimasto invariato solo al 3,5%, ha affermato Daco, vicino al tasso più basso dal 2008 e ben al di sotto del livello pre-Covid di circa il 9%.

Ancora una volta, il motivo del pullback ha molto a che fare con la Fed.

I tassi di interesse hanno è aumentato a un ritmo storico, portando i tassi ipotecari al livello più alto in oltre un decennio e rendendo più difficile la crescita delle imprese. Alla fine, gli aumenti dei tassi della Fed dovrebbero sostanzialmente ridurre i costi. Ma nel frattempo, i consumatori stanno ricevendo uno-due colpi di tassi debitori elevati e prezzi elevati, soprattutto quando si tratta di beni di prima necessità come cibo e alloggio.

Gli americani hanno aperto i loro portafogli durante i blocchi del 2020, che hanno spinto l’economia a uscire dalla sua breve ma grave recessione pandemica. Da allora, gli aiuti governativi sono svaniti e l’inflazione ha messo radici, spingendo i prezzi al più alto tasso degli ultimi 40 anni e indebolendo il potere di spesa dei consumatori.

Corporate America stringe la cinghia

Gli affari sono andati a gonfie vele in tutti i settori per la maggior parte dell’era della pandemia, anche con un’inflazione storicamente alta che ha intaccato i profitti. Ciò è dovuto (ancora una volta) alla tenacia degli acquirenti americani, poiché le aziende sono state ampiamente in grado di trasferire i costi più elevati sui consumatori per attutire i margini di profitto.

Ma la manna d’oro dei guadagni potrebbe non durare.

A metà settembre, una società le cui fortune servono come una sorta di campanello d’allarme economico ha sconvolto gli investitori.

FedEx, che opera in più di 200 paesi, ha inaspettatamente rivisto le sue prospettive, avvertendo che la domanda si stava ammorbidendo e che gli utili sarebbero probabilmente crollati di oltre il 40%.

In un’intervista, al suo CEO è stato chiesto se credeva che il rallentamento fosse un segno di una recessione globale incombente.

“Penso di sì”, ha risposto. “Questi numeri, non fanno presagire molto bene.”

FedEx non è sola. Martedì, le azioni di Apple sono diminuite dopo che Bloomberg ha riferito che la società stava rinunciando ai piani per aumentare la produzione di iPhone 14 dopo che la domanda è scesa al di sotto delle aspettative.

E proprio prima delle festività natalizie, quando i datori di lavoro normalmente aumenterebbero le assunzioni, l’umore è ora più cauto.

“Non abbiamo visto il normale aumento di settembre nelle aziende che chiedono aiuto temporaneo”, ha affermato Julia Pollak, capo economista di ZipRecruiter. “Le aziende stanno indietreggiando e aspettano di vedere quali condizioni ci sono”.

Benvenuti nel territorio dell’orso

Wall Street è stata colpita da un colpo di frusta e le azioni sono ora sulla buona strada per il loro anno peggiore dal 2008, nel caso qualcuno avesse bisogno di un altro spaventoso confronto storico.

Ma l’anno scorso è stata una storia molto diversa. I mercati azionari hanno prosperato nel 2021, con l’S&P 500 in rialzo del 27%, grazie a un torrente di liquidità pompato dalla Federal Reserve, che ha scatenato una politica di allentamento monetario a doppia canna nella primavera del 2020 per evitare che i mercati finanziari crollassero.

La festa è durata fino all’inizio 2022. Ma quando l’inflazione è iniziata, la Fed ha iniziato a portare via il proverbiale punch bowl, aumentando i tassi di interesse e allentando il suo meccanismo di acquisto di obbligazioni che aveva sostenuto il mercato.

La sbornia è stata brutale. L’S&P 500, la misura più ampia di Wall Street – e l’indice responsabile della maggior parte dei 401 (k) americani – è in calo di quasi il 24% per l’anno. E non è solo. Tutti e tre i principali indici statunitensi sono in mercati ribassisti, in calo di almeno il 20% dai massimi più recenti.

In una sfortunata svolta, anche i mercati obbligazionari, in genere un rifugio sicuro per gli investitori quando le azioni e altri asset scendono, sono in tilt.

Ancora una volta, incolpare la Fed.

L’inflazione, insieme al forte aumento dei tassi di interesse da parte della banca centrale, ha spinto i prezzi delle obbligazioni al ribasso, il che fa salire i rendimenti obbligazionari (ovvero il rendimento che un investitore ottiene per il suo prestito al governo).

Mercoledì, il rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni ha superato brevemente il 4%, toccando il livello più alto degli ultimi 14 anni. Quell’impennata è stata seguita da un forte calo in risposta all’intervento della Banca d’Inghilterra nel suo stesso mercato obbligazionario in spirale, pari a movimenti tettonici in un angolo del mondo finanziario che è progettato per essere stabile, se non addirittura noioso.

Anche i rendimenti obbligazionari europei stanno aumentando poiché le banche centrali seguono l’esempio della Fed nell’aumentare i tassi per sostenere le proprie valute.

In conclusione: ci sono pochi posti sicuri in cui gli investitori possono mettere i loro soldi in questo momento, ed è improbabile che cambi fino a quando l’inflazione globale è sotto controllo e le banche centrali allentano la presa.

Guerra, aumento dei prezzi e politiche radicali si scontrano

In nessun luogo la collisione di calamità economiche, finanziarie e politiche è più dolorosamente visibile che nel Regno Unito.

Come il resto del mondo, il Regno Unito ha lottato con l’aumento dei prezzi che è in gran parte attribuibile al colossale shock del Covid-19, seguito dalle interruzioni commerciali create dall’invasione russa dell’Ucraina. Poiché l’Occidente ha tagliato le importazioni di gas naturale russo, i prezzi dell’energia sono aumentati vertiginosamente e le forniture sono diminuite.

Aumento dei prezzi del gas in Europa

Due anni fa, i futures sul gas naturale olandese, il benchmark europeo, costavano 15,48 dollari per megawattora. Questa settimana, il prezzo era quasi 12 volte più alto.

Quegli eventi erano già abbastanza gravi da soli.

Ma poi, poco più di una settimana fa, il governo appena insediato del primo ministro Liz Truss ha annunciato un piano di taglio delle tasse radicale che gli economisti di entrambe le estremità dello spettro politico sono stati denunciati come non ortodossi nel migliore dei casi, diabolici nel peggiore.

In breve, l’amministrazione Truss ha affermato che taglierebbe le tasse a tutti i britannici per incoraggiare la spesa e gli investimenti e, in teoria, attenuare il colpo di una recessione. Ma i tagli alle tasse non sono finanziati, il che significa che il governo deve farlo indebitarsi per finanziarli.

Quella decisione ha scatenato il panico nei mercati finanziari e ha messo Downing Street in una situazione di stallo con la sua banca centrale indipendente, la Bank of England. Gli investitori di tutto il mondo hanno venduto in massa le obbligazioni del Regno Unito, facendo precipitare la sterlina al livello più basso rispetto al dollaro in quasi 230 anni. Come in, dal 1792, quando il Congresso ha preso corso legale per il dollaro USA.

Mercoledì la BOE ha organizzato un intervento di emergenza per acquistare obbligazioni del Regno Unito e ristabilire l’ordine nei mercati finanziari. Ha arginato l’emorragia, per ora. Ma gli effetti a catena delle turbolenze di Trussonomics si stanno diffondendo ben oltre gli uffici dei commercianti di obbligazioni.

I britannici, che sono già in una crisi del costo della vita, con un’inflazione al 10% – la più alta di qualsiasi economia del G7 – sono ora nel panico per l’aumento dei costi dei prestiti che potrebbero costringere le rate mensili dei mutui di milioni di proprietari di case a salire di centinaia o anche migliaia di sterline.

Il risultato

Mentre il consenso è che una recessione globale è probabile nel 2023, è impossibile prevedere quanto sarà grave o quanto durerà. Non tutte le recessioni sono dolorose come la Grande Recessione del 2007-09, ma ogni recessione è, ovviamente, dolorosa.

Alcune economie, in particolare gli Stati Uniti, con il loro mercato del lavoro forte e i consumatori resilienti, saranno in grado di resistere al colpo meglio di altre.

“Siamo in acque inesplorate nei prossimi mesi”, hanno scritto gli economisti al World Economic Forum in un rapporto di questa settimana.

“Le prospettive immediate per l’economia globale e per gran parte della popolazione mondiale sono oscure”, hanno continuato, aggiungendo che le sfide “metteranno alla prova la resilienza delle economie e delle società e richiederanno un pedaggio umano punitivo”.

Ma ci sono alcuni aspetti positivi, hanno detto. Le crisi impongono trasformazioni che possono in definitiva migliorare gli standard di vita e rafforzare le economie.

“Le aziende devono cambiare. Questa è stata la storia dall’inizio della pandemia”, ha affermato Rima Bhatia, consulente economico della Gulf International Bank. “Le aziende non possono più continuare sul percorso in cui si trovavano. Questa è l’opportunità e questo è il lato positivo”.