HomeNews3 motivi per cui la Fed dovrebbe aumentare il tasso sui fondi a marzo

3 motivi per cui la Fed dovrebbe aumentare il tasso sui fondi a marzo

Mircea Vasiu

I partecipanti ai mercati finanziari seguono da vicino la riunione di marzo della Federal Reserve. La guerra nell'Europa orientale la dissuaderà dall'iniziare un ciclo di inasprimento?

I titoli sulla guerra in Ucraina dominano le notizie, e per una buona ragione. I commercianti e gli investitori sono preoccupati per le implicazioni della guerra per l'economia globale, per il mercato azionario e per ciò che porteranno i cambiamenti geopolitici.

I mercati finanziari attendono la decisione di marzo della Fed in merito al tasso sui fondi federali. Questa è la più grande banca centrale del mondo e se iniziasse un nuovo ciclo di inasprimento, la sua mossa verrebbe copiata dalle altre banche mondiali.

La Fed inizierà ad inasprire o la guerra porterà ad una recessione globale, dissuadendo le banche centrali dall'aumento dei tassi? E se la Fed aumenta, sarà un aumento di 25 pb o di 50 pb? Inoltre, quali sono le implicazioni per il mercato azionario?

Storicamente, marzo è un mese forte per le azioni. L'indice S&P 500 ha prodotto rendimenti mensili medi positivi a marzo, se consideriamo il periodo successivo agli anni '50. Ma poi di nuovo, il conflitto Russia-Ucraina potrebbe essere un punto di svolta.

Ecco tre motivi per cui la Fed dovrebbe aumentare il tasso sui fondi federali a marzo:

  • I prezzi del petrolio sono aumentati a causa del conflitto nell'Europa orientale
  • L'inflazione rimane elevata e probabilmente salirà ancora
  • L'economia funziona quasi a pieno regime

Occorre reagire all'aumento dei prezzi dell'energia

La guerra in Ucraina ha portato a misure senza precedenti da parte della comunità internazionale contro la Russia, l'aggressore. Uno dei risultati dell'ondata di sanzioni è l'impennata del prezzo del petrolio. Ad esempio, il greggio WTI è stato scambiato al di sopra di 110$/barile quando si è stabilizzato in territorio negativo solo due anni fa.

L'aumento dei prezzi dell'energia è inflazionistico e la Fed non può permettersi di restare a guardare.

L'inflazione è ben al di sopra dell'obiettivo della Fed

L'inflazione è molto più alta dell'obiettivo della Fed. A giudicare da come la Fed ha stretto nel 2015-2020, i tassi dovrebbero essere molto più alti ora, anche senza che l'inflazione raggiunga il massimo degli ultimi quattro decenni.

La crescita economica è di nuovo in carreggiata

Infine, la Fed dovrebbe agire ora che l'economia è tornata sulla buona strada dopo il declino causato dalla pandemia di COVID-19. Ritardando l'inizio di un ciclo di inasprimento, la Fed rischia di surriscaldare l'economia, il che provocherebbe un duro atterraggio più avanti lungo la strada.