HomeNewsL’S&P 500 è crollato nel 2022: ecco perché gli investitori comprano il calo

L’S&P 500 è crollato nel 2022: ecco perché gli investitori comprano il calo

Mircea Vasiu

Il mercato azionario statunitense è destinato ad un inizio difficile dell'anno commerciale, questo è normale negli anni a medio termine, a giudicare dagli standard storici. Gli investitori stanno comprando il calo?

Il 2022 è iniziato con il crollo delle azioni mentre le banche centrali si preparano a rimuovere gli accomodamenti monetari. Ora che la guerra è iniziata nell'Europa orientale, l'ondata internazionale di sanzioni contro la Russia minaccia di far scendere ulteriormente i prezzi azionari.

L'inflazione è decisamente attiva negli Stati Uniti e in altre parti del mondo. La pandemia di COVID-19 ha innescato un'ondata senza precedenti di stimoli monetari e fiscali, che hanno comportato un aumento eccessivo dei prezzi di beni e servizi.

L'aumento dell'inflazione costringe le banche centrali a rivedere il loro mandato di stabilità dei prezzi. Pertanto, molte banche nel mondo sviluppato hanno già alzato il tasso di interesse o pianificano di farlo.

Una che è sulla buona strada per iniziare ad aumentare i tassi è la Federal Reserve. Ha appena concluso il suo allentamento quantitativo e ha segnalato che avrebbe aumentato il tasso sui fondi federali a marzo. Inoltre, inizierà il processo di contrazione del bilancio, rafforzando così ulteriormente la politica monetaria.

Di conseguenza, le azioni sono state colpite da tutte le parti. Inoltre, la guerra ha portato i prezzi del petrolio al di sopra di 120$ quindi l'inflazione probabilmente continuerà a salire.

Quest'anno è un anno di medio termine negli Stati Uniti e il titolo azionario in genere si corregge in tali ani. Ma se la storia ci insegna qualcosa, è che gli investitori dovrebbero comprare il calo.

Acquistare il calo negli anni a medio termine ha senso

Gli anni a medio termine in genere vedono un grande ritiro. Il pullback intra-anno dal 1950 è stato in media del -17,1%, con il 1974 che ha registrato il più grande, un pullback del -37,6%.

Se consideriamo la crisi petrolifera e lo shock inflazionistico del 1974 e li confrontiamo con le condizioni odierne, allora le azioni potrebbero avere ancora ulteriori ribassi in avanti. Tuttavia, anche se sarà così, la storia ci dice che gli investitori dovrebbero rimanere ottimisti.

La storia ci dice che, un anno dopo, il rendimento medio supera il 30%. Pertanto, gli investitori continueranno a cercare di scegliere un minimo e ad adeguare il proprio portafoglio per posizionarlo per il prossimo anno.