HomeNewsL’indice Dax si avvicina ad una resistenza massima: ecco cosa mostrano i grafici

L’indice Dax si avvicina ad una resistenza massima: ecco cosa mostrano i grafici

Mircea Vasiu

L'indice Dax è rimbalzato dai suoi minimi recenti e ora si avvicina alla resistenza. È possibile che l'indice del mercato azionario tedesco raggiunga un nuovo massimo storico?

I mercati azionari in Europa sono crollati alla notizia che la Russia aveva invaso l'Ucraina, ma dopo lo shock iniziale gli investitori hanno deciso di acquistare il calo, e così tutti i principali indici europei hanno registrato un forte rimbalzo.

Ora, la grande domanda è se il rimbalzo è un rally del mercato ribassista o l'inizio di una nuova tendenza rialzista? Mentre le tensioni geopolitiche suggeriscono cautela, il quadro dell'analisi tecnica appare rialzista.

15.000 – un livello fondamentale per Dax

Dax ha superato i 16.000 punti e poi i ribassisti hanno preso il controllo. Tuttavia, prima del selloff, si può notare che il mercato ha trovato un forte supporto a 15.000.

Quel supporto si è trasformato in resistenza, ed è per questo che il Dax esita ai livelli attuali. Con una chiusura giornaliera superiore a 15.000, il Dax probabilmente troverà più acquirenti.

Il motivo testa e spalle inverso suggerisce maggiore rialzo

Mentre la resistenza orizzontale a 15.000 sembra abbastanza forte da allontanare gli investitori, un modello testa e spalle inverso arriva a supportare la tesi rialzista. Il mercato sembra ritestare la scollatura e la mossa misurata punta ad un nuovo massimo storico.

Testa e spalle sono schemi di inversione e la loro mossa misurata rappresenta solo la distanza minima che il mercato dovrebbe percorrere. Pertanto, il rally del Dax potrebbe continuare anche oltre i massimi storici registrati alla fine del 2022.

Il conflitto Russia-Ucraina non è abbastanza per spaventare gli investitori dei mercati azionari

Un rischio per i mercati azionari europei è la guerra in corso nell'Europa orientale. Le uniche ragioni per essere ottimisti sono emerse dopo qualche tempo.

Ad esempio, secondo i comunicati stampa, l'incontro di ieri tra i due paesi in guerra ha prodotto qualche progresso. Di conseguenza, i mercati azionari sono saliti, ma tutto può cambiare in un batter d'occhio.

Tutto sommato, gli investitori nei mercati azionari europei non hanno avuto paura del conflitto. Hanno acquistato il calo, come si evince dall'indice Dax che è rimbalzato di oltre 2.000 punti e il quadro tecnico sembra costruttivo andando avanti.

15.000 rappresenta un livello fondamentale. Qualsiasi chiusura sopra di essa può innescare più rialzi.