HomeNewsLe azioni Oracle scivolano nel più grande crollo di un giorno quest’anno

Le azioni Oracle scivolano nel più grande crollo di un giorno quest’anno

News Team

Le azioni Oracle Corporation (NYSE: ORCL) hanno avuto il loro giorno peggiore quest’anno, registrando due settimane di guadagni, dopo che un analista di Berenberg ha avviato la copertura della società di software con un rating hold.

Il gigante dei database con sede ad Austin, in Texas, è sceso del 5,2% a $ 72,12 alla chiusura di mercoledì a New York, il più grande calo di un giorno da dicembre. Il selloff di oggi arriva dopo che le sue azioni sono scese martedì nel mezzo di una disfatta dei titoli tecnologici poiché un’inflazione peggiore del previsto ha innescato un tracollo nell’ampio mercato.

All’inizio di questa settimana Oracle ha riportato le vendite del primo trimestre fiscale che sono aumentate del 18% rispetto a un anno fa, sostenute dal passaggio al cloud computing e dall’acquisizione del fornitore di cartelle cliniche Cerner. Le entrate sono state di 11,4 miliardi di dollari, in linea con la stima media degli analisti, pur rilevando che le fluttuazioni valutarie hanno ridotto i suoi guadagni di 8 centesimi per azione a 1,03 dollari.

L’analista di Berenberg Nay Soe Naing ha avviato la copertura del titolo con un rating hold, osservando che sebbene Oracle non stia perdendo affari a favore della concorrenza, i clienti che decidono di passare al cloud computing potrebbero complicare ed estendere il processo per il produttore di software. Più della metà dei 33 analisti che coprono Oracle hanno un rating hold sul titolo, mentre 12 consigliano di acquistare le sue azioni e quattro suggeriscono di vendere.

“Un terzo delle entrate di Oracle proveniva dai servizi cloud; è uno spazio affollato, e uno che sta diventando sempre più affollato”, ha affermato Michael Matousek, head trader di US Global Investors.

Matousek ha affermato che i guadagni potrebbero aver “portato molte persone ad alta frequenza o altri giocatori, che avrebbero potuto fornire liquidità ai detentori più grandi per scaricare le azioni. Ha creato un’opportunità di vendita e sembra che sia il caso del nastro oggi”.