HomeNewsArm vuole tagliare fino a 1.000 posti di lavoro dopo il fallimento dell’accordo con Nvidia

Arm vuole tagliare fino a 1.000 posti di lavoro dopo il fallimento dell’accordo con Nvidia

Hassan Maishera

L'acquisizione di Arm da parte di Nvidia è fallita a seguito di ostacoli normativi e ora l'azienda deve fare alcune scelte difficili.

Il progettista di chip britannico Arm ha rivelato oggi che intende tagliare fino a 1.000 posti di lavoro nel tentativo di garantire il non fallimento dell'azienda.

Quest'ultimo sviluppo arriva dopo che la proposta di acquisizione da parte del produttore di chip americano Nvidia è fallita.

Le agenzie di regolamentazione britanniche erano contrarie all'accordo poiché ritenevano che avrebbe dato a Nvidia troppa potenza nel mercato dei semiconduttori, il che avrebbe ridotto la competitività e la qualità dei chip prodotti a lungo termine.

Un portavoce di Arm ha dichiarato oggi alla CNBC che l'azienda attualmente impiega 6.400 persone in tutto il mondo. Tuttavia, la compagnia deve tagliare più di mille posti di lavoro nel tentativo di mantenere il giusto equilibrio. 

Il portavoce ha detto:

“Come ogni azienda, Arm riesamina continuamente il proprio piano aziendale per garantire che l'azienda abbia il giusto equilibrio tra opportunità e disciplina dei costi. Sfortunatamente, questo processo include licenziamenti proposti in tutta la forza lavoro globale di Arm. Se le proposte andranno avanti, prevediamo che essi interessino circa il 12-15% per cento delle persone in Arm a livello globale".

Arm ha sede a Cambridge, nel Regno Unito. Tuttavia, la società è di proprietà del colosso finanziario giapponese SoftBank, che ha acquisito il designer di semiconduttori per 32 miliardi di dollari nel 2016.

SoftBank aveva accettato di vendere Arm a Nvidia, ma l'obiezione dell'agenzia antitrust britannica ha messo a repentaglio l'accordo.

Arm è uno dei principali progettisti di semiconduttori a livello globale e le agenzie di regolamentazione non volevano che l'acquisizione influisse sul mercato globale dei chip.

L'azienda progetta chip utilizzati da alcune delle aziende tecnologiche leader a livello mondiale, tra cui Apple per il suo iPad, Amazon per i suoi Kindle e produttori di veicoli nelle loro auto.