HomeNewsAmazon viene rinviata al DOJ nell’indagine sulla concorrenza nei mercati digitali

Amazon viene rinviata al DOJ nell’indagine sulla concorrenza nei mercati digitali

Hassan Maishera

Il gigante della tecnologia Amazon è attualmente sottoposto ad un'indagine per aver potenzialmente violato la concorrenza dei mercati digitali.

I membri del comitato giudiziario della Camera degli Stati Uniti hanno indirizzato il gigante tecnologico Amazon al Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti (DOJ). Secondo il comitato della Camera, Amazon e alcuni dei suoi massimi dirigenti hanno violato alcune condotte nel mercato.

In una lettera al procuratore generale degli Stati Uniti, il comitato ha affermato che la società si era impegnata nella pratica e nel modello di condotta ingannevole.

Questa condotta suggeriva che Amazon e i suoi dirigenti stessero agendo in modo improprio per influenzare o bloccare l'indagine del comitato sulla concorrenza nei mercati digitali. La lettera del 9 marzo recita:

"Non abbiamo altra scelta che riportare la questione al Dipartimento di Giustizia per permettergli di indagare se Amazon e i suoi dirigenti abbiano ostacolato il Congresso in violazione della legge federale applicabile".

Amazon deve ancora rispondere a questo ultimo sviluppo.

Il deferimento al DOJ (dipartimento di Giustizia) arriva dopo che il comitato della Camera ha avvertito Amazon nell'ottobre 2021. All'epoca, aveva accusato la società e i suoi massimi dirigenti, incluso il fondatore Jeff Bezos, di aver fuorviato il Congresso o di aver mentito ai membri sulle sue pratiche commerciali.

La lettera arriva anche pochi giorni dopo che è emerso un rapporto che rivelava che Amazon stava conducendo una campagna di copia di prodotti e manipolazione dei risultati di ricerca in India per aumentare le vendite dei propri marchi. Tuttavia, Amazon aveva negato le accuse.

Secondo i membri della Camera, le notizie contraddicono la testimonianza giurata e le rappresentazioni dei massimi dirigenti di Amazon, incluso l'ex CEO Jeff Bezos.

All'epoca, Amazon dichiarò che la società e i suoi dirigenti non avevano fuorviato il comitato, aggiungendo che le storie pubblicate sui principali media erano imprecise.

Nella lettera inviata oggi al procuratore generale degli Stati Uniti, i legislatori hanno citato gli articoli di alcuni dei principali media, tra cui The Wall Street Journal, Reuters e Politico, in merito alle pratiche commerciali dell'azienda nell'e-commerce.