HomeNews3 punti dopo che le vendite al dettaglio di aprile in US sono state migliori del previsto

3 punti dopo che le vendite al dettaglio di aprile in US sono state migliori del previsto

Mircea Vasiu

Martedì le azioni statunitensi sono aumentate grazie agli ottimi dati sulle vendite al dettaglio di aprile. Quindi le azioni sono fuori pericolo o dovremmo aspettarci di testare nuovamente i minimi recenti?

L’inflazione è una preoccupazione reale negli Stati Uniti e nel resto del mondo. Per questo motivo, il discorso che il presidente della Fed ha fatto ieri riguardo al piano per combatterla è stato estremamente importante per la maggior parte dei partecipanti al mercato.

Per questo motivo, c’è stata poca o nessuna reazione ad un dato economico altrimenti critico pubblicato un po’ prima durante il trading: i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti di aprile.

L’indicatore delle vendite al dettaglio offre un indizio sulla forma del consumatore. Se il consumatore non sta spendendo, l’economia vive un momento difficile e alla fine si contrarrà.

La Fed ha avvertito più volte che un’inflazione più alta dell’obiettivo aumenterebbe il tasso sui fondi federali fino a quando l’inflazione non scenderà in modo significativo. Cioè, anche con la minaccia di un cosiddetto atterraggio duro. E forse a costo di una recessione.

Pertanto, i dati sulle vendite al dettaglio di aprile avrebbero potuto offrire alcuni indizi sull’impatto dell’eventuale inasprimento delle condizioni finanziarie da parte della Fed. Ma invece di deludere, i dati sono risultati molto migliori del previsto.

Quindi ecco alcuni punti da considerare dopo i dati sulle vendite al dettaglio di ieri:

  • Le vendite al dettaglio sono circa il 18% in più rispetto al trend pre-COVID-19
  • Grande revisione al rialzo a marzo
  • Le azioni sono aumentate in risposta

Le vendite al dettaglio sono ben al di sopra della loro tendenza pre-COVID-19

Le vendite al dettaglio di aprile mostrano un grande balzo dei dati core, escluse le vendite di auto che sono considerate troppo volatili. Il grafico mostra anche che le famiglie hanno speso di più online e trascorrono più tempo nei ristoranti.

Ma ciò che è veramente impressionante è che le vendite al dettaglio sono ben al di sopra del trend pre-COVID19, circa il 18% in più. Inoltre, sono circa l’11% in più rispetto alla tendenza se adeguati ai prezzi.

Marzo è stato visto a rialzo

Un altro aspetto positivo del report di ieri è stata la forte revisione al rialzo del numero di marzo (+0,9%). Le revisioni sono sempre un jolly quando si interpretano i dati economici, poiché spesso sono importanti per i partecipanti al mercato più dei dati effettivi.

Il Dow Jones e il resto del mercato azionario statunitense hanno reagito in rialzo

In risposta ai dati sulle vendite al dettaglio migliori del previsto, le azioni sono aumentate. Più precisamente, hanno esteso il loro rally dopo aver toccato il minimo (almeno temporaneo) giovedì scorso.

Ma come mostra il grafico giornaliero del Dow Jones, le vendite al dettaglio potrebbero aver innescato solo un rimbalzo e nient’altro. Finora, la tendenza nel 2022 è ribassista e, all’interno del canale discendente, la tendenza rimane la stessa: ribassista.