HomeNews2 motivi per cui vengono fatte offerte nel mercato USA nonostante l’aumento dell’inflazione su base annua

2 motivi per cui vengono fatte offerte nel mercato USA nonostante l’aumento dell’inflazione su base annua

Mircea Vasiu

L'inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il 7,5% in più su base annua a gennaio, il più grande aumento annuale dell'inflazione in 40 anni. Perché il mercato azionario continua a fare offerte?

L'evento principale della settimana di trading è ormai alle nostre spalle, poiché i dati sull'inflazione statunitense per gennaio sono stati pubblicati oggi. I prezzi di beni e servizi negli Stati Uniti sono saliti ai livelli più alti degli ultimi quattro decenni.

Più precisamente, questa è l'inflazione CPI più alta dal 1982.

I prezzi delle auto usate, dei biglietti aerei e dell'elettricità sono aumentati rispettivamente dell'1,5%, 2,3% e 0,9%. Di conseguenza, sia l'headline che il core CPI sono saliti ai livelli massimi degli ultimi quattro decenni, eppure il mercato azionario ha a malapena preso coscienza della cosa: al momento della stesura di questo articolo, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è rimasto pressoché invariato rispetto alla giornata, in ribasso circa 100 punti o giù di lì.

Ecco due motivi per cui ci sono ancora offerte per le azioni:

  • L'inflazione più alta pesa sul dollaro
  • La Fed sembra in trappola

L'inflazione più alta pesa sul dollaro

Il dollaro è sceso su tutta la linea sui dati sull'inflazione, nonostante la reazione iniziale opposta. L'idea alla base della mossa è che l'inflazione è in genere dannosa per il valore di una valuta.

Ora che l'inflazione ha raggiunto livelli mai visti dal 1982, rappresenta un'incognita per la maggior parte dei partecipanti al mercato, per non parlare dei banchieri centrali. Inoltre, a febbraio la Fed ha praticato ancora un quantitative easing, quindi, probabilmente, l'inflazione aumenterà ancora di più prima della riunione di marzo.

Un'altra ragione del calo del dollaro ma che sostiene le azioni, è il tempo necessario perché gli aumenti dei tassi abbiano un significato. Questo perché il meccanismo di trasmissione degli aumenti dei tassi in tutta l'economia è complesso e richiede molto tempo (circa sei mesi). Quindi, anche con un rialzo dei tassi a marzo, l'effetto dell'aumento avrà un impatto minimo o nullo sull'economia.

La Fed sembra in trappola

Un altro motivo che supporta le azioni viene dalla Fed: sembra intrappolata. Dopo i dati di oggi, il mercato implica una probabilità del 50% di un aumento del tasso di 50 pb a marzo.

Ancora un po' e la Fed sarà "costretta" ad aumentare così tanto, solo per non essere vista come lasciata indietro. Se aumentasse solo di 25 punti base, il mercato lo vedrebbe come un allentamento e non un inasprimento, quindi sarebbe rialzista per i titoli.