HomeNews2 motivi per cui le azioni statunitensi sono aumentate nonostante la stretta della Fed

2 motivi per cui le azioni statunitensi sono aumentate nonostante la stretta della Fed

Mircea Vasiu

La stretta della Fed non è riuscita a fermare il rally delle azioni statunitensi. I rendimenti reali negativi spaventano gli investitori, e infatti preferiscono il mercato azionario.

Le azioni statunitensi hanno chiuso ai massimi il giorno in cui la Federal Reserve ha iniziato un ciclo di inasprimento. Certo, si potrebbe dire che le azioni preferiscono una Fed aggressiva, ma il movimento al rialzo non è così sorprendente.

In effetti, l'aumento dei tassi non è positivo per le azioni, ma se pensiamo alle alternative che gli investitori hanno, beh, le zioni non sembrano poi così male. Sì, la Fed ha alzato i tassi dello 0,25%, ma l'inflazione è al 7,9%.

Inoltre, le proiezioni della Fed mostrano che l'inflazione sarà persistente nonostante la politica molto più restrittiva della banca centrale. Allora perché le azioni sono aumentate? Ecco due possibili spiegazioni:

  • Rendimenti reali negativi sulle decisioni degli investitori
  • L'aumento del tasso è stato in gran parte già dato per scontato

I rendimenti reali negativi spaventano gli investitori

La Fed ha effettuato il primo aumento dei tassi in un nuovo ciclo di inasprimento dopo aver mantenuto il tasso sui fondi federali vicino allo zero durante la pandemia di COVID-19. Ma rispetto al tasso di inflazione, l'aumento è così piccolo che non fa differenza.

Il rendimento reale è la differenza tra il tasso sui fondi federali e il tasso di inflazione. Poiché l'inflazione è del 7,9% e il tasso sui fondi federali solo dello 0,25%, il rendimento reale rimane negativo. Il divario si è appena ridotto.

Inoltre, l'inflazione dovrebbe continuare a crescere. Quindi, quando la Fed effettuerà un nuovo rialzo dei tassi tra sei settimane, il divario negativo potrebbe essere ancora più alto.

Pertanto, gli investitori hanno poche opzioni rimaste che investire nel mercato azionario.

L'aumento del tasso è stato in gran parte già dato per scontato

Un'altra spiegazione per il rally di ieri è che il rialzo dei tassi è stato ampiamente previsto. La Fed ha comunicato con largo anticipo la sua decisione e, di conseguenza, non è stata una sorpresa.

La mossa iniziale al ribasso è arrivata sulla banca di uno dei membri della Fed dissenziente e desideroso di un aumento maggiore nella riunione di ieri. Ma nel complesso, i mercati si aspettavano una Fed aggressiva, quindi non ci sono state sorprese di sorta.