HomeNews2 motivi per cui le azioni potrebbero salire nonostante i tassi di rialzo della Fed

2 motivi per cui le azioni potrebbero salire nonostante i tassi di rialzo della Fed

Mircea Vasiu

I mercati finanziari attendono la decisione della Fed prevista per oggi. Anche se la Fed molto probabilmente aumenterà i tassi, ci sono ragioni per acquistare le azioni?

L'evento più importante per i mercati finanziari andrà in onda più tardi nella giornata di oggi: il comunicato della Fed e la conferenza stampa. Molto è stato scritto prima dell'evento ed è stato insinuato che l'azienda stia restando indietro.

Dopotutto, l'inflazione è al massimo livello degli ultimi 40 anni, ma il tasso sui fondi federali è vicino allo zero.

Le azioni sono diminuite nel 2022 ma hanno trovato supporto di recente. Cioè, nonostante tutto quello che sta succedendo nel mondo, come l'aumento dell'inflazione e la guerra in Europa, le azioni sono resilienti. Ecco due ragioni per cui è così: l'aumento dei tassi e un sacco di cose brutte sono già state pagate.

L'aumento del tasso praticamente sicuro

Cominciamo con il rialzo dei tassi. Durante l'ultima testimonianza, Powell ha affermato che è favorito un aumento del tasso di 25 pb. Quindi, un aumento è già previsto.

L'inflazione è ciò che tiene sveglia la Fed in questi giorni, ed è probabile che se ne parlerà più volte durante la conferenza stampa. Quali sorprese può fare la Fed?

Potrebbe sorprendere con le proiezioni del dot plot.

Se la Fed non aumenta le proiezioni del dot plot di quanto si aspetta il mercato (ad es. mediana 4 aumenti invece di 5 previsti), le azioni dovrebbero aumentare nonostante il rialzo dei tassi. Pertanto, questi 25 punti base dovrebbero essere visti come un aumento accomodante.

Sono da tenere in considerazione le cose brutte

Dal punto di vista geopolitico circolavano molte cattive notizie. Inoltre, l'inflazione è un punto caldo.

In quanto tale, l'indice Nasdaq 100 è caduto nel territorio del mercato ribassista. C'è anche una croce della morte sull'indice S&P 500 (cioè, la media mobile a 50 giorni scende al di sotto della media mobile a 100 giorni).

Inoltre, la fiducia dei consumatori è la più bassa degli ultimi 10 anni. Un sondaggio condotto dalla Bank of America mostra che i gestori di fondi globali siedono su un mucchio di liquidità, sottoinvestiti.

Quindi, con tutta questa incertezza in bilico, le azioni potrebbero rimbalzare per il semplice motivo che tutto quanto sopra è già noto. Eppure, le azioni sono resilienti.