HomeNewsS&P 500: ha toccato il fondo o è solo un rally del mercato ribassista?

S&P 500: ha toccato il fondo o è solo un rally del mercato ribassista?

Mircea Vasiu

L’indice S&P 500 è salito venerdì dopo aver flirtato con un mercato ribassista. Siamo davanti ad un minimo o abbiamo appena assistito a un rialzo del mercato ribassista?

Le azioni sono rimbalzate nell’ultimo giorno di negoziazione della settimana, poiché l’indice S&P 500 è salito del 2,4% dopo aver flirtato con un mercato ribassista. Quando un asset finanziario scende di oltre il 20% dai suoi massimi, si dice che inizia un mercato ribassista: l’indice S&P 500 lo ha evitato a malapena dopo sei cali settimanali consecutivi.

Questo rally sta quindi seguendo un minimo o è il segno di un mercato ribassista imminente? Secondo un’intervista radiofonica rilasciata da Jerome Powell, le condizioni finanziarie continueranno ad essere restrittive negli Stati Uniti, rendendo difficile la ripresa delle azioni.

L’S&P 500 è tornato sopra quota 4.000

L’indice S&P 500 ha raggiunto il livello più alto mai raggiunto negli ultimi giorni di negoziazione del 2021. È stato scambiato sopra quota 4.800 dopo il rally durante la pandemia di COVID-19, quando la Fed ha allentato la politica monetaria aggressiva.

Ma ora la Fed ha invertito il processo. L’inflazione è una preoccupazione reale e la Fed ha interpretato male i segnali.

Come si è scoperto, l’inflazione non era transitoria, ma persistente. Quindi la Fed ha aumentato prevedendo di aumentare ancora e il mercato azionario ha corretto.

Finora, il livello 4.000 offre un forte supporto. Ma è solo la prima volta che il mercato testa il livello dopo aver scambiato a un massimo storico.

Inoltre, l’S&P 500 è sceso per sei settimane consecutive e ha perso oltre il 10%. Quante volte è successo?

Solo sei volte fin’ora: maggio 1970, marzo 1980, agosto 1990, ottobre 2002, luglio 2008 e maggio 2022.

Jerome Powell accenna ad un maggiore inasprimento in un’intervista radiofonica

Abbastanza curiosamente, la manifestazione di venerdì ha seguito un’intervista radiofonica che Jerome Powell, presidente della Fed, ha rilasciato giovedì. Ai microfoni ha detto che è in programma un aumento del tasso di 75 punti base e ha avvertito che tempi duri stavano arrivando. Eppure, le azioni sono aumentate.

Più del 70% delle azioni dell’S&P 500 è diminuito questa settimana

Prima di esultare per il rally del mercato azionario di venerdì scorso, vale la pena ricordare che oltre il 70% delle azioni che fanno parte dell’indice S&P 500 è diminuito durante la settimana.

I titoli immobiliari, finanziari e tecnologici sono diminuiti maggiormente, mentre i beni di prima necessità hanno guadagnato.

La Fed ha “fabbricato” una recessione? Forse sì, ma il lavoro da svolgere (cioè la stabilità dei prezzi) è più importante a questo punto.

In quanto tale, la Fed continuerà a stringere, il che significa che le probabilità sono alte che il rally di venerdì scorso sia stato solo un rimbalzo e nient’altro.