HomeNewsL’S&P 500 ha chiuso nuovamente in rialzo venerdì: cosa c’è da aspettarsi?

L’S&P 500 ha chiuso nuovamente in rialzo venerdì: cosa c’è da aspettarsi?

Mircea Vasiu

L'indice S&P 500 ha chiuso la settimana ai massimi. Il rally completa quattro giorni consecutivi forti, che sono abbastanza rari, storicamente parlando. Cosa c'è da aspettarsi?

Nella settimana nella quale la Federal Reserve ha alzato il tasso sui fondi per la prima volta in un nuovo ciclo di stretta, l'S&P 500 ha sovraperformato. Venerdì ha chiuso in forte rialzo senza un calo significativo, nonostante il fatto che i rialzi dei tassi siano in genere una cattiva notizia per le azioni.

Cosa dovrebbero aspettarsi gli investitori?

I motivi per preoccuparsi sono tanti: la guerra in Ucraina, l'aumento dell'inflazione, la pandemia. Ma le azioni continuano a rimbalzare e se osserviamo ciò che la storia ci dice, c'è spazio per ulteriori rialzi.

6,9% di rendimento a 4 giorni per l'S&P 500

Fatta eccezione per lunedì scorso, le azioni sono aumentate. L'indice S&P 500 ha completato ieri un rendimento di 4 giorni del 6,9%, ma già dal giorno prima l'andazzo sembrava rialzista.

Ecco perché.

La chiusura di giovedì ha segnato il terzo giorno consecutivo con guadagni superiori all'1%. Questo è successo solo 10 volte in 20 anni, un evento raro si potrebbe dire.

Sebbene una tale corsa richieda profitti per molti investitori, la storia ci dice che dovrebbe accadere esattamente il contrario. In altre parole, è possibile che ci sia un maggiore rialzo.

Ogni volta che l'indice è aumentato di oltre l'1% in tre giorni consecutivi, un anno dopo, è aumentato di circa il 25%. In altre parole, tale azione sui prezzi non segnala la fine del mercato rialzista, ma l'inizio di esso.

Se ciò non bastasse come indicazione rialzista, venerdì ha segnato il quarto aumento consecutivo dell'1%. È successo solo 5 volte dal 1970 e, sebbene rare, tali mosse sono piuttosto rialziste.

L'ultima volta che è successo è stato nel novembre 2020. Un mese dopo, l'indice è salito di un altro 5,2%. Inoltre, 3 mesi dopo, era in aumento dell'11,5% e 12 mesi dopo era in aumento del 33,8%.

Marzo. a livello storico, è un mese rialzista per le azioni, ma questo marzo fa già la storia. Inoltre, marzo e aprile sono mesi storicamente forti, quindi la tendenza rialzista dovrebbe persistere oltre la fine di questo mese.

Tutto sommato, al mercato azionario non importava che la Fed avesse avviato un ciclo di stretta. L'aumento del tasso di 25 punti base è troppo limitato e, forse, arriva troppo tardi rispetto all'aumento dei prezzi di beni e servizi. A meno che la Fed non inasprisca molto più velocemente, le azioni rimangono rialziste.