HomeNewsSaga della proprietà di Twitter tutt’altro che finita mentre Elon Musk contrasta

Saga della proprietà di Twitter tutt’altro che finita mentre Elon Musk contrasta

News Team

L’imprenditore e miliardario Elon Musk ha avviato una controquerela contro Twitter Inc (NYSE: TWTR), la società che aveva precedentemente cercato di rilevare prima di ritirarsi dall’accordo. La sua mossa arriva solo poche settimane dopo che Twitter ha intentato una causa contro Musk alla Chancery Court del Delaware, cercando di costringerlo a completare la vendita di 44 miliardi di dollari.

Musk ha fatto l’offerta nell’aprile 2022, ma ha annunciato che si sarebbe ritirato dall’accordo subito dopo. In discussione c’era la riluttanza di Twitter a fornire informazioni accurate su quanto del suo traffico è generato da singoli esseri umani e quanto è da campagne di pubbliche relazioni e bot automatizzati. Musk afferma che la percentuale effettiva di attività “false” sul social network è di gran lunga superiore al 5% dichiarato da Twitter.

Se le affermazioni di Musk sono corrette, il vero valore di Twitter sarebbe di gran lunga inferiore a 44 miliardi di dollari. La sua offerta di acquisto da 44 miliardi di dollari è stata generosa anche ad aprile. Tuttavia, da allora la capitalizzazione di mercato di Twitter è notevolmente diminuita. Al momento in cui scrivo, si aggira intorno ai 31,8 miliardi di dollari.

Il valore dell’azienda è stato raramente superiore a $ 30 miliardi dalla sua offerta pubblica iniziale nel novembre 2013 e gli esperti hanno spesso speculato sul motivo per cui uno dei social network più utilizzati al mondo ha lottato per fare soldi. Musk è stato esplicito sulla questione e ha affermato di avere idee che potrebbero rendere redditizio Twitter.

Ha evidenziato un grosso problema con l’economia di Internet da quando il web mondiale ha iniziato a offrire l’accesso alle masse nel 1993. La maggior parte delle informazioni pubblicate sono disponibili gratuitamente, così come i servizi per gli utenti di pubblicare i propri contenuti. Paywall e abbonamenti per lo più non hanno avuto successo e le carte di credito (attualmente il metodo di pagamento principale di Internet) non possono elaborare piccole o microtransazioni immediatamente o a un costo ragionevole. Molte piattaforme hanno fatto ricorso al “data-mining” dei propri utenti, che sono diventati essi stessi “il prodotto”, vendendo a terzi i propri dati privati e comportamentali.

Ci sono state anche accuse secondo cui le notizie e le piattaforme di social media si sono impegnate in una pesante censura negli ultimi anni. Al contrario, altri affermano che questi fornitori non censurano abbastanza, risultando in un “ambiente non sicuro” per alcuni.

La prova di Twitter inizierà a ottobre 2022

L’azione della Chancery Court di Twitter contro Musk è fissata per un processo di cinque giorni a partire dal 17 ottobre 2022. Il tribunale ha il potere di imporre azioni specifiche alle parti durante la supervisione di un caso, spesso in situazioni contrattuali simili a questa.

Anche la controquerela di Musk è in Delaware, sebbene non sia la stessa Chancery Court. Il suo team legale ha chiesto che i dettagli del caso rimangano riservati: non è noto se qualcuno verrà reso pubblico in qualsiasi momento o anche se la causa porterà a un altro processo.

Sebbene i media abbiano bollato le cause come un “conflitto”, potrebbe essere (come alcuni hanno suggerito) parte di una strategia per abbassare il prezzo di vendita o costringere Twitter a rivelare i suoi meccanismi interni in tribunale. La controquerela di Musk potrebbe fornire una leva in negoziati.

Musk è ancora molto interessato a Twitter

Da notare che Musk ha continuato a postare regolarmente su Twitter nonostante la situazione legale tesa. Oltre alle sue solite intuizioni bizzarre e pensieri casuali, ha anche pubblicato alcuni pensieri su come funziona Twitter e quale dovrebbe essere il suo posto nello spazio dei media. È chiaro che ha un forte interesse per il futuro della piattaforma, suggerendo che vorrebbe comunque svolgere un ruolo nel migliorarla.

“L’interazione con quasi tutti gli account Twitter sembra essere molto più bassa nelle ultime settimane e giorni. Preciso?” Elon Musk (@elonmusk) il 30 luglio 2022.

“Di certo è difficile trovare una fonte di notizie che sia accurata, pertinente e non del tutto deprimente!” ha scritto. “Forse Twitter può diventarlo”.

Qualunque sia l’esito di una delle due cause, Musk potrebbe comunque diventare il proprietario a titolo definitivo di Twitter o uno dei principali azionisti. Anche se questo risultato soddisferebbe alcuni e farebbe arrabbiare altri, probabilmente causerebbe uno scossone nel modo in cui Twitter e i social network in generale si avvicinano alla loro attività.