HomeNewsPrevisioni del prezzo del Nikkei 225 con il PPI giapponese che ha raggiunto il 10% ad aprile

Previsioni del prezzo del Nikkei 225 con il PPI giapponese che ha raggiunto il 10% ad aprile

Mircea Vasiu

Il PPI giapponese ha raggiunto il 10% per la prima volta in quattro decenni. Tuttavia, la Banca del Giappone considera l’inflazione transitoria. Come reagirà il Nikkei 225 dopo?

A seguito della pandemia di COVID-19, le strozzature nell’offerta hanno portato ad un forte aumento dei prezzi di beni e servizi in tutto il mondo. Inoltre, la guerra Russia-Ucraina ha aggravato la situazione.

Come tale, l’inflazione nelle economie avanzate è salita a livelli che non si vedevano da molti decenni, nonostante le banche centrali per un po’ di tempo abbiano considerato questo fenomeno come transitorio.

Prendiamo gli Stati Uniti ad esempio.

La Fed ha considerato a lungo l’inflazione transitoria prima cambiare idea e iniziare ad aumentare i tassi di interesse. Ora sta dicendo che avrebbe dovuto aumentare il tasso sui fondi molto più velocemente.

Il Giappone sta seguendo le orme della Fed?

La Bank of Japan considera l’inflazione transitoria

L’unica grande banca centrale che ancora allenta la politica monetaria è la Bank of Japan, che vede ancora l’inflazione come transitoria, proprio come ha fatto la Fed diversi mesi fa.

Ora, però, l’inflazione ha iniziato a mostrare i suoi denti anche in Giappone. Questa settimana, lunedì, è stato rilasciato il PPI giapponese di aprile.

L’indice dei prezzi alla produzione ha raggiunto il 10% per la prima volta in 40 anni. Poiché l’aumento dei prezzi alla produzione viene trasmesso ai consumatori, aumenterà anche l’IPC?

E in tal caso, la Banca del Giappone sbatterà le palpebre, come ha fatto la Fed, e invertirà la sua politica?

Nikkei 225 ha superato il mercato azionario statunitense

L’indice Nikkei 225 ha realizzato un double top pattern sopra i 30.000 punti. Non è riuscito a riprendersi nel 2021 come hanno fatto le azioni statunitensi, con frustrazione di molti investitori giapponesi.

Il modello suggerisce un ulteriore ribasso nel periodo a venire. Il movimento misurato del double top punta a 23.000 come distanza minima che l’indice dovrebbe percorrere.

Negli Stati Uniti, la Fed ha invertito la sua politica dopo che il mercato azionario ha raggiunto la vetta. Dopo aver iniziato ad aumentare il tasso sui fondi, le azioni sono scese ancora.

Vedremo lo stesso schema in Giappone?

Tutto inizia con la Banca del Giappone che abbandona la parola “transitoria” quando si riferisce all’inflazione. Da quel momento in poi, il percorso di minor resistenza è quello di copiare ciò che ha fatto la Fed, innescando una mossa simile nel mercato azionario locale.