HomeNewsIl mercato azionario sta praticamente implorando una recessione

Il mercato azionario sta praticamente implorando una recessione

News Team

Wall Street ha un grave caso di paura della recessione.

L’inflazione è ai massimi da 40 anni e la Federal Reserve sta aumentando in modo aggressivo i tassi di interesse. La crescita economica sta rallentando, così come il mercato del lavoro. Si stanno formando crepe nei mercati dell’edilizia e dell’acquisto di case poiché i tassi dei mutui sono aumentati. Il sentimento dei consumatori è precipitato. Non c’è da stupirsi che le azioni siano in territorio orso.

Oltre al lento e costante gocciolamento di dati economici aspri, gli investitori sono caduti di pessimo umore. L’indice Fear & Greed di CNN Business è rimasto bloccato nel territorio della “paura” per mesi. Ma l’anticipazione del dolore è spesso peggiore della realtà, e il mercato azionario spera che qualcuno strappi via il cerotto e dichiari già una recessione.

Più a lungo si parla di recessione, più è probabile che l’economia continuerà a soffrire, ha affermato Josh Brown, CEO di Ritholtz Wealth. Le stesse paure di recessione portano a un ulteriore ritiro. La psicologia dei consumatori e degli investitori ha un impatto sull’economia e possiamo “parlarci di una recessione”, ha scritto in una nota.

“Se un numero sufficiente di persone crede che sia giunto il momento di frenare le proprie spese – e poi agire in base a tale convinzione – diventa una profezia che si autoavvera”, ha detto Brown.

Le recessioni sono inevitabili, fanno parte di ogni ciclo economico. Le recessioni accadranno e nessuna quantità di previsioni e previsioni può prevenirle.

Ecco perché alcuni analisti di Wall Street sperano che il National Bureau of Economic Research determinerà ufficialmente che siamo in una recessione e consentirà ai mercati di interrompere il ciclo del terrore.

“Prima avremo la recessione, meglio sarà”, ha affermato Kevin Gordon, Senior Investment Research Manager di Charles Schwab.

Sebbene possa sembrare controintuitivo, anticipare la data di inizio della recessione sarebbe in definitiva positivo per gli investitori, ha affermato Gordon. Questo perché una recessione significherebbe che il punto di svolta per le azioni è più vicino piuttosto che più lontano e che il fondo è più vicino di quanto pensiamo.

Quindi, gli investitori potrebbero passare al ciclo successivo: cercare la speranza. Gli economisti lo paragonano alla ricerca di germogli verdi dopo un incendio boschivo.

“Sebbene possa sembrare economicamente rialzista presumere che la recessione inizi nel 2023, in realtà è un mercato ribassista, soprattutto se si è convinti che il mercato debba ancora scontare un ulteriore ribasso per i guadagni”, ha affermato Gordon.

Una recessione nel 2023 potrebbe regalarci un altro semestre di mercati ribassisti, danneggiando ulteriormente l’economia. Ma una determinazione anticipata sulla recessione significa una ripresa anticipata. Significa un ritorno più rapido della propensione al rischio e un aumento dei profitti aziendali. I profitti aziendali di Wall Street non sono mai cresciuti nel complesso quando l’economia si stava muovendo verso la recessione.

Soprattutto, significherebbe che le pressioni inflazionistiche diminuirebbero più rapidamente e la Fed sarebbe in grado di porre fine prima alla sua politica di inasprimento, riducendo al minimo i danni economici e aumentando le opportunità di investimento.

Il problema è che il NBER è notoriamente lento nell’annunciare quando siamo in recessione. Non ha annunciato fino a giugno 2020 che la recessione indotta dalla pandemia era iniziata a febbraio, ed è stato più veloce del solito.

Quindi, purtroppo per gli investitori di Wall Street che cercano un po’ di sollievo, il dibattito sulla recessione quasi certamente andrà avanti per mesi.

Gli analisti della Bank of America, nel frattempo, prevedono che una “leggera recessione” inizierà quest’anno negli Stati Uniti e si ridurrà entro il 2023.

La recessione non è mai una buona cosa, ma una recessione breve e superficiale ora è meglio di una minaccia grande e incombente in lontananza.