HomeNewsIl mercato azionario potrebbe aumentare del 18% a nuovi massimi entro la fine dell’anno poiché il mercato ribassista del 2022 è finito, afferma Fundstrat

Il mercato azionario potrebbe aumentare del 18% a nuovi massimi entro la fine dell’anno poiché il mercato ribassista del 2022 è finito, afferma Fundstrat

News Team

Il mercato azionario potrebbe prepararsi a nuovi massimi record prima della fine dell’anno poiché il mercato ribassista del 2022 è terminato, ha affermato venerdì Tom Lee di Fundstrat in una nota.

“Il più grande asporto per me sugli eventi di questa settimana? Prove convincenti e probabilmente decisive che ‘il fondo è in’: il mercato ribassista del 2022 è finito”, ha detto.

La fiducia di Lee deriva dal fatto che tra un’impronta negativa del PIL, un altro aumento dei tassi di interesse di 75 punti base da parte della Fed e una maggiore volatilità del gas naturale dovuta al dramma dell’oleodotto Nord Stream russo, questa settimana si sono verificate molte brutte notizie e tuttavia il S&P 500 e Nasdaq 100 sono riusciti a mettere in scena un rally del 3%.

“Quando le cattive notizie non abbattono i mercati, è tempo che gli investitori valutino”, ha affermato Lee.

Sul fronte degli utili, nonostante il dollaro USA forte e l’accresciuta incertezza economica, le aziende stanno riportando risultati migliori del previsto. Con il 52% dell’S&P 500 che ha già riportato gli utili del secondo trimestre, il 73% ha superato le stime degli utili di una mediana del 7%.

I guadagni contano perché a lungo termine è ciò che guida i prezzi delle azioni.

I risultati dei colossi della tecnologia a mega capitalizzazione Alphabet, Microsoft, Amazon e Apple hanno tutti attenuato le preoccupazioni degli investitori sulla resilienza della loro crescita e sulla loro capacità di gestire l’inflazione, il che ha contribuito a generare notevoli guadagni nei prezzi delle azioni questa settimana.

Lee ritiene che l’economia abbia raggiunto il punto cardine in cui i dati in entrata saranno decisamente meno negativi e che i venti favorevoli della disinflazione dovrebbero rafforzarsi. Le materie prime, dai metalli al petrolio ai cereali, sono in calo nelle ultime settimane, il che ha già comportato un calo dei prezzi per i consumatori.

E se la Federal Reserve continua a rispecchiare le azioni del 1982 dell’allora presidente della Fed Paul Volcker, il mercato azionario potrebbe riprendersi completamente e marciare verso nuovi massimi nei prossimi quattro mesi, ha detto Lee.

“Durante la guerra all’inflazione di Volcker, le azioni hanno toccato il fondo nell’agosto 1982. Questo è stato due mesi prima che Volcker abbandonasse le misure ‘anti-inflazione’. Ancora più importante, le azioni hanno recuperato l’intera perdita del mercato ribassista di 36 mesi in 4 mesi”, ha spiegato.

Powell potrebbe anche essere sul punto di abbandonare presto alcune misure anti-inflazione, poiché ha accennato alla riunione di mercoledì che la Fed sarebbe più dipendente dai dati nelle sue decisioni di aumento dei tassi e ha rifiutato di fornire indicazioni per la riunione della Fed di settembre. Se le forze disinflazionistiche dovessero prendere piede, come si aspetta Lee, potrebbero spingere Powell a fare un passo indietro rispetto all’attuale politica di inasprimento della Fed e mettere in pausa i rialzi dei tassi.

“Nel 2022, ciò significa che le azioni potrebbero vedere nuovi massimi prima di YE. Ecco perché riteniamo che [l’] S&P 500 potrebbe essere superiore a 4.800 prima della fine dell’anno”, ha affermato Lee, rappresentando un potenziale rialzo del 16% dalla chiusura di venerdì.