HomeNewsLe azioni salgono grazie alla speranza che la Fed rallenti gli aumenti dei tassi

Le azioni salgono grazie alla speranza che la Fed rallenti gli aumenti dei tassi

News Team

Un rapporto sugli utili disastroso di Snap e risultati meno che stimolanti dei componenti di Dow American Express e Verizon non sono stati sufficienti per tenere a bada i rialzisti di Wall Street venerdì. Le azioni sono aumentate nella speranza che la Federal Reserve possa presto venire in soccorso rallentando il ritmo dei suoi rialzi dei tassi.

Il Dow è salito di circa 600 punti, o 2%, nel trading del tardo pomeriggio, anche se AmEx (AXP) e Verizon (VZ) sono scesi rispettivamente del 3% e del 5%.

È stato un rally ad ampio raggio, con tutti i settori in rialzo. In effetti, Verizon e AmEx sono stati gli unici due titoli Dow che non erano in green Friday. Le azioni blue chip Exxon Mobil (XOM), l’assicuratore sanitario Cigna (CI) e l’appaltatore della difesa Northrop Grumman (NOC) hanno persino raggiunto nuovi massimi storici.

Le azioni hanno aperto in ribasso ma sono rapidamente scese in corsa dopo che un rapporto del Wall Street Journal ha indicato che, anche se è probabile che la Fed alzi i tassi di altri tre quarti di punto a novembre, i membri della Fed stanno discutendo se segnalare che un aumento più piccolo potrebbe essere nelle carte a dicembre.

Gli investitori hanno iniziato a innervosirsi per il fatto che la serie di rialzi dei tassi senza precedenti della Fed potrebbe far precipitare l’economia in recessione. E a quanto pare anche alcuni alla Fed hanno dubbi sul ritmo degli aumenti dei tassi.

Reuters ha riferito che il presidente della Fed di San Francisco Mary Daly ha dichiarato venerdì in un discorso che la banca centrale non dovrebbe creare una “recessione non forzata” per l’economia con troppi massicci aumenti dei tassi.

“Il mercato non vedeva l’ora che la Fed si prendesse una pausa”, ha affermato JJ Kinahan, CEO di IG Group North America, che possiede la società di brokeraggio online Tasteworks.

“Penso che sia la scelta giusta per lasciare che gli aumenti dei tassi che hanno già fatto giochino un po’ attraverso il sistema e vedere cosa scuote”, ha aggiunto Kinahan.

Anche il Nasdaq e l’S&P 500 sono aumentati, rispettivamente dell’1,7% e dell’1,9%. Tutti e tre i principali indici di mercato sono ora in rialzo di oltre il 4% per la settimana e hanno registrato solidi guadagni per il mese di ottobre.

Questo nonostante il fatto che la società madre di Snapchat (SNAP) sia crollata di oltre il 30% in seguito ai suoi guadagni, notizie che hanno fatto precipitare anche le azioni di altre società di social media. Il proprietario di Facebook Meta (META) è sceso di oltre il 2% e Pinterest (PINS) è sceso del 7%.

Anche Twitter (TWTR) è sceso di quasi il 5%, a causa delle notizie secondo cui l’amministrazione Biden potrebbe esaminare da vicino le altre attività di Elon Musk per motivi di sicurezza nazionale prima di consentire a Musk di acquistare Twitter (TWTR). Ci sono state anche segnalazioni che suggeriscono massicci licenziamenti in arrivo su Twitter (TWTR) se il CEO di Tesla (TSLA) e SpaceX chiudesse l’accordo.