HomeNewsLe azioni europee scendono mentre i dati sull’inflazione negli Stati Uniti fanno esplodere i timori di un aumento dei tassi

Le azioni europee scendono mentre i dati sull’inflazione negli Stati Uniti fanno esplodere i timori di un aumento dei tassi

News Team

Giovedì le azioni europee hanno invertito i guadagni dopo che un’altra lettura dell’inflazione calda dagli Stati Uniti ha stimolato le aspettative secondo cui la Federal Reserve sarebbe rimasta aggressiva nella sua lotta contro l’inflazione.

L’indice regionale STOXX 600 (.STOXX) è sceso dell’1,3% dopo essere salito fino allo 0,8% all’inizio della sessione a seguito delle notizie secondo cui il governo del Regno Unito stava discutendo di apportare modifiche al piano fiscale annunciato il mese scorso che aveva innescato una disfatta dei mercati obbligazionari.

I dati hanno mostrato che i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati più del previsto a settembre, rafforzando le aspettative che la Federal Reserve realizzerà un quarto aumento dei tassi di interesse di 75 punti base il mese prossimo. Il cosiddetto core CPI è balzato del 6,6% nei 12 mesi fino a settembre.

“L’aspetto chiave del rilascio di oggi è il continuo aumento dell’inflazione core”, ha affermato Willem Sels, chief investment officer globale, Global Private Banking and Wealth di HSBC.

“Fino a quando la Fed non vedrà alcune prove del rallentamento dell’inflazione core e del raggiungimento del minimo degli indicatori del mercato del lavoro, come l’aumento della disoccupazione o il rallentamento dell’apertura di posti di lavoro, è improbabile che cambi rotta”.

I verbali della riunione di settembre della Federal Reserve hanno mostrato mercoledì che i funzionari hanno sottolineato la necessità di una politica più restrittiva per domare l’inflazione.

Lo STOXX 600 è sceso del 4,3% negli ultimi sei giorni, con i mercati preoccupati per le mosse politiche aggressive delle banche centrali per affrontare l’inflazione elevata e i recenti avvertimenti del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale sulla recessione.

Gli ultimi dati hanno confermato che l’inflazione armonizzata tedesca è stata del +10,9% a/a a settembre, mentre i prezzi al consumo (CPI) in Svezia, misurati con un tasso di interesse fisso, sono aumentati dell’1,1% da agosto.

Con la stagione degli utili del terzo trimestre all’orizzonte, gli investitori sono concentrati su come il management di Europe Inc proietta le prospettive degli utili in un momento in cui l’inflazione è a livelli record e si prevede ampiamente una recessione.

La maggior parte dei settori STOXX 600 erano in rosso, guidati dai titoli tecnologici (.SX8P) che erano scesi del 5,0% toccando il minimo da maggio 2020.

Le società europee di semiconduttori sono crollate dopo che il fornitore di tecnologia per la produzione di chip Applied Materials Inc (AMAT.O) ha affermato che le restrizioni all’esportazione in Cina porterebbero a una perdita di vendite nette di $ 250 milioni-$ 550 milioni nel trimestre terminato il 30 ottobre, con un impatto simile previsto in i tre mesi successivi.

Le azioni di Infineon (IFXGn.DE), ASML (ASML.AS), ASMI (ASMI.AS), BESI (BESI.AS) e Aixtron (AIXGn.DE) sono scivolate tra il 4% e il 9%.

Il produttore norvegese di alluminio Norsk Hydro (NHY.OL) è balzato del 4,3% dopo che gli Stati Uniti stavano valutando la limitazione delle importazioni di alluminio russo.