HomeNewsIl range ristretto del Dow Jones è finito? Gli investitori si preparano ad un breakout

Il range ristretto del Dow Jones è finito? Gli investitori si preparano ad un breakout

Mircea Vasiu

Il Dow Jones è stato scambiato in un range ristretto per un anno: il range finirà presto o ci si deve aspettare che continui?

Le azioni statunitensi sono scese all’inizio del 2022 per poi recuperare gran parte del terreno perduto. Diversi fattori sono stati responsabili del sentimento ribassista all’inizio dell’anno, come l’aumento dell’inflazione e la guerra nell’Europa orientale.

Inoltre, le banche centrali di tutto il mondo, guidate dalla Federal Reserve degli Stati Uniti, hanno iniziato ad inasprire la loro politica monetaria. Ad esempio, solo questa settimana, due delle banche centrali più influenti, la Reserve Bank of New Zealand e la Bank of Canada, hanno alzato il tasso di riferimento di 50 punti base.

Una politica monetaria più restrittiva sta pesando sulle azioni di tutto il mondo, spiegando così le difficoltà recenti. Tuttavia, le azioni rimangono straordinariamente resilienti e vengono scambiate vicino ai massimi storici.

Il Dow Jones è stato scambiato in un range ristretto nell’ultimo anno

Gli ultimi dodici mesi non hanno portato altro che range trading per l’indice Dow Jones. Il mercato si muove in un intervallo ristretto tra 30.000 e 35.000 punti e ogni breakout finora si è rivelato fasullo.

Può essere frustrante per alcuni investitori, ma la capacità del mercato azionario di consolidare i massimi quasi storici in un contesto fondamentale così ostile è a dir poco notevole.

Dow si consolida vicino ai massimi storici

Il quadro a breve termine potrebbe non dirci molto, ma quello a medio termine rivela una buona performance. Ad esempio, il Dow Jones è raddoppiato in due anni, offrendo una solida performance agli investitori passivi.

Gli anni a medio termine si ritirano in media del -17,1%.

La recente correzione osservata nei mercati azionari statunitensi non è insolita. In effetti, gli anni a medio termine portano in media un calo del -17,1%, quindi il calo visto dall’inizio del 2022 potrebbe essere stato proprio questo.

Tuttavia, ricerche simili mostrano che gli anni a medio termine di solito finiscono in ribasso alla fine dell’anno. Pertanto, potrebbero ancora esserci altre debolezze.

Ma la buona notizia è che il rendimento un anno dopo è in media del +32,3%. In quanto tale, l’intervallo di dodici mesi potrebbe essere solo un consolidamento prima di un altro tentativo di raggiungere i massimi storici.