HomeNewsIl leggendario investitore Jeremy Grantham avverte che l’S&P 500 potrebbe crollare di un altro 26% e rivela che sta andando allo scoperto del Nasdaq e delle obbligazioni spazzatura

Il leggendario investitore Jeremy Grantham avverte che l’S&P 500 potrebbe crollare di un altro 26% e rivela che sta andando allo scoperto del Nasdaq e delle obbligazioni spazzatura

News Team

Jeremy Grantham ha avvertito che l’S&P 500 potrebbe crollare di un altro 26% nel prossimo anno, poiché i mercati finanziari devono affrontare una confluenza di sfide senza precedenti. Ha anche rivelato che sta scommettendo contro l’indice Nasdaq e le obbligazioni spazzatura.

Giorni bui davanti

“Questo è un momento dall’aspetto più pericoloso nell’economia globale della follia della bolla immobiliare del 2007”, ha detto Grantham mercoledì al Reuters Global Markets Forum.

L’investitore veterano e cofondatore di OGM ha affermato che l’indice azionario statunitense di riferimento potrebbe scendere dai circa 4.000 punti di oggi a 3.000 punti nei prossimi 12 mesi, rappresentando un calo del 38% rispetto al picco di dicembre. L’S&P 500 è sceso di circa il 15% quest’anno.

“Il deterioramento dei fondamentali su base globale sembra assolutamente scioccante”, ha affermato, secondo Reuters.

Grantham ha lanciato l’allarme su una “superbolla” nei prezzi delle attività a gennaio e ha dichiarato che stava entrando nel suo devastante atto finale in una nota di ricerca pubblicata il 31 agosto.

Nella nota, ha sottolineato la pericolosa combinazione di azioni, obbligazioni e alloggi estremamente sopravvalutati; inflazione impennata e shock sui tassi di interesse; e impennate dei prezzi delle materie prime e dell’energia. Ha anche segnalato l’invasione russa dell’Ucraina, i blocchi in corso per COVID-19 in Cina e la carenza di cibo e risorse come ulteriori preoccupazioni.

Lo stratega degli investimenti a lungo termine di OGM ha detto al forum Reuters di prepararsi al crollo dei titoli in crescita, al caos nei mercati immobiliari globali e all’aumento dei tassi ipotecari che schiacciano i proprietari di case.

Grantham ha anche previsto un’inflazione ostinata e una pressione prolungata sulle azioni. Ha indicato il cambiamento climatico che sconvolge le economie, la forza lavoro nazionale che si sta riducendo a causa dei bassi tassi di natalità e la fornitura mondiale di materie prime che si sta esaurendo.

Inoltre, ha sottolineato che l’inflazione ha eroso i rendimenti reali degli investitori nell’ultimo anno, rendendo “un mercato ribassista marginale un mercato ribassista abbastanza serio”.

Sfruttando l’incidente

Grantham sta cercando di trarre profitto dalle enormi ricadute che si aspetta. Attraverso la sua fondazione di beneficenza da 1,5 miliardi di dollari, ha scommesso contro il Nasdaq pesantemente tecnologico e le obbligazioni ad alto rendimento, ha detto al Times in un’intervista pubblicata venerdì.

Il Nasdaq è crollato del 25% dal picco di novembre. L’indice è generalmente considerato più rischioso e più volatile dell’S&P 500, poiché ha una percentuale maggiore di società in rapida crescita, valutate in modo aggressivo e non redditizie tra i suoi componenti.

Le obbligazioni ad alto rendimento o spazzatura hanno un rating inferiore alle obbligazioni investment grade dalle agenzie di credito. Offrono rendimenti maggiori agli investitori, ma tendono ad essere più volatili e comportano un rischio di insolvenza maggiore rispetto alle obbligazioni con rating più elevato.

La scommessa di Grantham suggerisce che si aspetta che i titoli tecnologici crollino e le insolvenze aziendali aumentino quando la superbolla esplode, mandando al ribasso le azioni tecnologiche e le obbligazioni spazzatura.