HomeNewsI primi 3 ETF che hanno reagito di più all’invasione russa dell’Ucraina

I primi 3 ETF che hanno reagito di più all’invasione russa dell’Ucraina

Mircea Vasiu

Gli ETF con esposizione alla Russia e ai mercati energetici sono quelli che hanno reagito di più alla guerra in Ucraina. Ecco tre nomi da tenere d'occhio: VanEck Russia ETF (RSX), iShares MSCI Russia ETF (ERUS) e Energy Select Sector SPDR Fund (XLE).

L'invasione russa dell'Ucraina ha innescato una fuga nei mercati finanziari. Di conseguenza, i mercati azionari globali sono crollati mentre gli investitori hanno ribilanciato i loro portafogli in reazione agli sviluppi.

Ma non solo i mercati azionari occidentali sono stati colpiti. Quello russo è letteralmente crollato del -49% alla notizia che il Paese ha invaso lo Stato vicino. Solo il mercato dello Sri Lanka è sceso di più in una sola sessione, nel 1989.

Anche se sono pochi gli investitori individuali che hanno avuto investimenti diretti nel mercato azionario russo, alcuni ETF o Exchange Traded Fund hanno avuto un'esposizione diretta ad esso. Ecco quindi i primi tre ETF pronti a reagire di più all'invasione russa dell'Ucraina: VanEck Russia ETF (RSX), iShares MSCI Russia ETF (ERUS) e Energy Select Sector SPDR Fund (XLE).

VanEck Russia ETF (RSX)

VanEck Russia ETF è il primo ETF russo sui mercati. Investe in società russe tramite ADR o American Depository Receipts e ha esposizione ad alcune delle più grandi attività russe, come Norilsk Nickel, Sberbank o Lukoil.

RSX è in calo di oltre il -20% nel corso della giornata, poiché alcuni dei suoi componenti sono letteralmente precipitati. Tale è stato il caso di Sberbank, in calo di oltre il -70% nell'ultima giornata.

iShares MSCI Russia ETF (ERUS)

ERUS è un ETF ponderato per la capitalizzazione di mercato incentrato sulle azioni russe. Non sorprende che sia sceso di oltre il -18% durante la giornata, poiché alcuni dei suoi componenti hanno subito un grande colpo.

Gazprom, Lukoil e Sberbank sono le sue prime 3 partecipazioni.

Energy Select Sector SPDR Fund (XLE)

I prezzi del petrolio sono balzati alla notizia dell'invasione russa. Ad esempio, il prezzo del greggio WTI è stato scambiato sopra i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014.

Tuttavia, i principali produttori di petrolio negli Stati Uniti, come Exxon Mobil e Chevron, sono in calo, nonostante il movimento nei mercati petroliferi. Poiché Exxon Mobil e Chevron sono le due maggiori partecipazioni in XLE, con oltre il 20% entrambe, l'ETF è in ribasso di circa il -2%.