HomeNewsHSBC solleva l’ FTSE100 mentre Agosto inizia con cautela, il dollaro USA scivola

HSBC solleva l’ FTSE100 mentre Agosto inizia con cautela, il dollaro USA scivola

News Team

È stato un inizio di nuovo mese nervoso per i mercati europei con discreti guadagni per i finanziari dopo che HSBC ha calato il sipario su un primo semestre positivo per il settore bancario britannico, nel suo insieme, in un contesto di preoccupazioni nei suoi mercati asiatici principali.

Europa

A parte questi aspetti positivi, i mercati europei sono tornati indietro dai massimi intraday sulla notizia che la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi sarebbe atterrata a Taiwan domani sera a dispetto degli avvertimenti cinesi di non farlo.

Questo aumento delle tensioni rappresenta un po’ un problema per gli Stati Uniti, soprattutto considerando il comportamento aggressivo della Russia in Ucraina. Sarà estremamente difficile per gli Stati Uniti non procedere con questa visita, nonostante il dispiacere cinese, poiché non farlo manderebbe il messaggio sbagliato e darebbe alla Cina l’incoraggiamento a spingere ulteriormente la sua fortuna quando si tratta delle sue attività militari nella regione asiatica.

I numeri odierni del primo semestre della banca più grande del Regno Unito sembrano mostrare che l’attività sta andando bene, scrollandosi di dosso le preoccupazioni sulla salute dell’economia cinese, contribuendo a spingere le azioni ai livelli più alti da fine giugno e in rialzo di oltre il 20% da inizio anno.

Nonostante i timori alla fine del primo trimestre che le prospettive economiche più deboli avrebbero pesato sulla sua performance nel secondo trimestre, i risultati odierni hanno visto la banca restituire una serie di numeri molto più forti. Il secondo trimestre ha riportato che gli utili prima delle tasse sono saliti a 5,8 miliardi di dollari, aiutati da una plusvalenza fiscale differita di 1,8 miliardi di dollari e da un aumento di 500 milioni di dollari delle svalutazioni a 1,1 miliardi di dollari per il primo semestre.

Di conseguenza, questo ha visto i profitti del primo semestre al netto delle tasse aumentare a $ 9,2 miliardi, mentre i ricavi dichiarati per lo stesso periodo sono leggermente scesi a $ 25,2 miliardi.

Il business asiatico, come previsto, ha restituito la maggior parte dei profitti della banca nel primo semestre, con 6,3 miliardi di dollari, nonostante l’interruzione causata dalle restrizioni Covid nella grande regione della Cina. Anche l’operazione nel Regno Unito ha ottenuto buoni risultati con un aumento del 15% degli utili a 2,5 miliardi di dollari. La banca ha citato l’impatto dei tassi di interesse più elevati in quanto ha migliorato il margine di interesse netto all’1,35%, rispetto all’1,2% di un anno fa.

Sui numeri più ampi, è stato interessante notare che i prestiti netti e gli anticipi ai clienti sono scesi dallo stesso periodo di un anno fa a 1,03 miliardi di sterline, forse non sorprende del tutto che il suo mercato più grande sia stato colpito da restrizioni covid per la maggior parte di quest’anno.

In termini di prospettive, la banca ha alzato la sua guida per il margine di interesse per quest’anno e prevede di tornare a pagare dividendi trimestrali nel 2023 con l’intenzione di migliorare il payout ratio del 50% nel 2023 e nel 2024. Ciò sembra essere in risposta alle critiche di azionisti come Ping An che erano scontenti della decisione della banca di sospendere il dividendo nel 2020 a causa della pandemia. La direzione ha continuato a respingere le chiamate di Ping An per interrompere l’attività.

Le azioni Pearson sono balzate in cima all’FTSE100 dopo aver registrato un aumento maggiore del previsto nelle vendite e nei profitti del primo semestre. Le vendite del primo semestre sono aumentate del 12% a 1,79 miliardi di sterline, contribuendo ad aumentare i profitti operativi rettificati del 26% a 160 milioni di sterline. Gran parte del miglioramento sembra derivare da un aumento dei ricavi nelle sue valutazioni e qualifiche, nonché dall’apprendimento della lingua inglese, che ha visto entrambi aumenti superiori al 20% durante il primo semestre. Il miglioramento dell’apprendimento della lingua inglese ha contribuito a ridurre le perdite a 4 milioni di sterline, dai 13 milioni di sterline dello stesso periodo di un anno fa.

U.S.

I mercati statunitensi hanno aperto in ribasso sulla notizia che il presidente della Camera Nancy Pelosi dovrebbe sbarcare a Taiwan domani sera, a dispetto degli avvertimenti della Cina di non interferire in quella che vedono come politica interna interna.

In notizie di fusioni e acquisizioni, Pepsico ha annunciato che avrebbe acquisito una quota dell’8,5% di dollari nel produttore di bevande energetiche per il fitness Celsius Holdings in un accordo del valore di 550 milioni di dollari al prezzo di 75 dollari per azione.

Sul fronte degli utili abbiamo l’acquisizione di Microsoft Activision Blizzard che riporta gli ultimi numeri del secondo trimestre. Da quando Microsoft ha preso la decisione di pagare 68,7 miliardi di dollari per l’azienda, è stato notato che i ricavi in questo settore sono rallentati dai picchi della pandemia. Questo non è del tutto sorprendente dato che le persone ora possono andare in giro, ma finora c’è stato un piccolo segno prezioso che questo rallentamento si sta attenuando. Nel primo trimestre i ricavi sono stati ben al di sotto dei numeri dell’anno scorso di $ 2,28 miliardi a $ 1,77 miliardi, mentre anche i profitti sono stati inferiori alle aspettative a $ 0,64 ca. Il numero di ore trascorse dagli utenti a giocare a Call of Duty è diminuito e questa potrebbe essere un’altra area che potrebbe iniziare a sentire la compressione del costo della vita nei prossimi mesi. I profitti del secondo trimestre dovrebbero raggiungere una quota di $ 0,48ca.

Abbiamo anche ricevuto i numeri del secondo trimestre da Pinterest in un contesto di indebolimento della domanda pubblicitaria con ricavi attesi a $ 663,2 milioni e profitti di $ 0,18 ca.

Anche le azioni Boeing sono aumentate dopo aver evitato uno sciopero nel suo stabilimento di St. Louis e aver anche ottenuto l’approvazione dalle autorità di regolamentazione statunitensi nei suoi tentativi di riprendere le consegne del suo 787 Dreamliner.

FX

È stato un altro giorno di debolezza del dollaro USA, che sta aiutando a offrire un’offerta più ampia ad altre classi di attività. Il tono più debole è stato guidato principalmente dalle aspettative che la Federal Reserve statunitense potrebbe essere più vicina alla fine del suo ciclo di rialzo dei tassi rispetto all’inizio. Gli ultimi dati ISM manifatturieri hanno anche provocato un’ulteriore debolezza poiché i prezzi pagati sono scesi drasticamente a 60, il calo più grande di un mese dal 2010, aggiungendo alla convinzione dei mercati che le pressioni inflazionistiche stiano diminuendo.

Un po’ perversamente, nonostante le prove che sembrano mostrare che l’economia cinese sta lottando per rimbalzare, il dollaro australiano sta godendo di una giornata forte, tuttavia ciò potrebbe avere più a che fare con il fatto che la RBA dovrebbe aumentare i tassi domani di 50 punti base o più, poiché cerca di recuperare terreno dopo essere stato colto alla sprovvista dall’impennata dell’inflazione di quest’anno.

Lo yen giapponese continua a spingere al rialzo mentre la divergenza tra i rendimenti statunitensi e giapponesi continua a ridursi, oltre a ottenere un po’ di un’offerta di rifugio sull’aumento delle tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Cina.

Merci

Dopo un forte aumento dei prezzi la scorsa settimana, prima della riunione dell’OPEC+ di questa settimana, i prezzi del petrolio sono scesi drasticamente. Le cadute di oggi sembrano essere dovute alle preoccupazioni per l’indebolimento della domanda. Il catalizzatore iniziale è stato uno scivolamento dei PMI manifatturieri cinesi in territorio di contrazione a luglio, mentre cali maggiori del previsto negli ultimi numeri europei hanno aggravato queste preoccupazioni, così come il calo dei prezzi.

Anche i prezzi del rame sono stati messi sotto pressione a causa di preoccupazioni simili.

Volatilità

Il commercio USD/JPY si è rivelato una sorta di anomalia prima della pausa del fine settimana con uno slancio al ribasso che ha accelerato sulla scia di quei commenti più accomodanti del previsto da parte della Fed. Il vero risalto qui, tuttavia, è il fatto che abbiamo visto l’azione dei prezzi aumentare di nuovo su quella che sarebbe storicamente considerata una delle coppie più liquide, poiché il sottostante torna a livelli che non si vedevano da quasi due mesi. Il volume giornaliero si è attestato al 16,15% contro il 9,66% del mese.

I prezzi del cacao sembrano instabili mentre il contratto in contanti degli Stati Uniti prevede un movimento verso i minimi di 12 mesi. Non c’è alcun vincolo sull’offerta qui e i timori di recessione hanno il potenziale per regnare nella domanda. Un indebolimento del dollaro USA potrebbe essere in grado di fornire un certo supporto, ma queste pressioni al ribasso sono state sufficienti a portare il volume del cacao statunitense al 45,71% venerdì, in rialzo rispetto al valore mensile del 36%.

Un certo numero di titoli di energia verde statunitensi è salito in rialzo prima della pausa del fine settimana sulla scia della notizia che i piani per il sostegno federale nel settore erano in corso. L’impatto inflazionistico dell’aumento dei costi del carburante è considerato fondamentale per aiutare qualsiasi legislazione come questa ad essere approvata dai legislatori. Il paniere di società di energia rinnovabile di CMC ha chiuso la scorsa settimana ai massimi che non si vedevano da novembre, con un volume giornaliero pari al 73% contro una media di un mese del 68%.