HomeNewsExxonMobil sospende le sue operazioni nell’estremo oriente russo

ExxonMobil sospende le sue operazioni nell’estremo oriente russo

Hassan Maishera

Numerose compagnie occidentali hanno sospeso le loro operazioni in Russia a seguito dell'invasione dell'Ucraina.

Un governatore russo ha annunciato oggi che ExxonMobil ha sospeso il suo progetto di gas naturale liquefatto (GNL) nell'Estremo Oriente russo.

Quest'ultimo sviluppo è arrivato un mese dopo che ExxonMobil ha annunciato che avrebbe cessato le operazioni in Russia.

La Russia ha dovuto affrontare il contraccolpo delle società occidentali dopo l'invasione dell'Ucraina a febbraio. Nonostante i numerosi colloqui di pace, le forze russe continuano ad occupare alcune città in Ucraina.

A marzo, ExxonMobil ha dichiarato che avrebbe chiuso le sue operazioni di petrolio e gas in Russia, per un valore di oltre 4 miliardi di dollari. La società ha aggiunto che cesserà anche ulteriori investimenti nel Paese.

L'ultima decisione della Exxon vedrebbe la società ritirarsi dal controllo dei grandi impianti di produzione di petrolio e gas sull'isola di Sakhalin nell'estremo oriente russo. la società ha anche terminato l'impianto GNL multimiliardario che prevedeva di costruire nel paese. Tuttavia, non è chiaro se ExxonMobil riprenderà questo progetto in un secondo momento.

Exxon aveva precedentemente pianificato di costruire il progetto Far East Liquefied Natural Gas (GNL). La struttura avrà una capacità annua di oltre 6 milioni di tonnellate come parte del consorzio Sakhalin-1 guidato dal gigante energetico russo Rosneft. Il governatore della regione di Khabarovsk, Mikhail Degtyaryov, ha detto:

«Il progetto, che gli americani – Exxon – avevano annunciato al porto di De Kastri con il condotto di Sakhalin, è congelato fino a nuovo avviso da parte loro. Perché è stato fatto?"

Un altro gigante petrolifero BP ha abbandonato la sua collaborazione con il gigante petrolifero russo Rosneft dopo una partnership che durava da quasi tre decenni.

Oltre alle compagnie petrolifere, diverse società occidentali, tra cui MasterCard, Nestle, Shell, Unilever, Goldman Sachs, Deutsche Bank, Western Union, Visa, American Express, Citigroup, Starbucks, McDonald's, PepsiCo e molte altre, hanno cessato le attività in Russia .