HomeNewsÈ sicuro comprare l’indice S&P 500 se ha iniziato aprile con perdite?

È sicuro comprare l’indice S&P 500 se ha iniziato aprile con perdite?

Mircea Vasiu

L'indice S&P 500 è diminuito ad aprile: è sicuro acquistare adesso o è possibile un ulteriore ribasso?

Aprile è iniziato con una correzione dei principali indici del mercato azionario statunitense. L'indice S&P 500, ad esempio, è sceso di circa 200 punti nei pochi giorni di negoziazione del nuovo mese e molti investitori ritengono che il movimento al rialzo di fine marzo non sia stato altro che un rally del mercato ribassista.

A dire il vero, il mercato azionario statunitense non ha fatto nulla da quando è iniziata la guerra Russia-Ucraina. Naturalmente ci si sarebbe aspettati che le crescenti incertezze avrebbero avuto un impatto sui mercati azionari, ma gli investitori sono rimasti piuttosto tranquilli.

Pertanto, possiamo dire che i ribassi finora registrati nel 2022 non sono stati altro che correzioni destinate all'acquisto. Tuttavia, le cose potrebbero differire nel secondo trimestre del 2022, come suggerito dalla performance storica del mercato azionario.

A quanto pare, la storia ci dice che il secondo trimestre di un anno a medio termine è difficile per gli investitori del mercato azionario. Più precisamente, è un trimestre debole, così come dovrebbe essere quello imminente.

Tuttavia, il lato positivo è che i prossimi due trimestri sono i migliori del ciclo presidenziale quadriennale. Pertanto, mentre il secondo e il terzo trimestre potrebbero essere complicati e portare alcune perdite, molto probabilmente gli investitori riacquisterebbero ancora una volta il calo.

La Fed si prepara a rafforzare ulteriormente le condizioni finanziarie a maggio

La Federal Reserve ha già alzato il tasso di interesse una volta. Ha posto fine al quantitative easing e ha alzato i tassi, ma il mercato non ha battuto ciglio.

Tuttavia, sempre più voci dalla Fed stessa suggeriscono che l'inasprimento delle condizioni finanziarie continuerà, e lo farà ad un ritmo maggiore.

Molti operatori di mercato ora si aspettano che la Fed aumenti di 50 punti base a maggio. Più che altro, per avviare l'inasprimento quantitativo o la riduzione del proprio bilancio.

Tutto ciò rappresenta misure volte a combattere l'inflazione e inasprire le condizioni finanziarie. Le azioni dovrebbero avere difficoltà a performare in tali condizioni, soprattutto considerando che Bill Dudley, l'ex capo della Fed di New York, ha suggerito che la Fed dovrebbe costringere le azioni al ribasso se vuole riguadagnare la sua credibilità.