HomeNewsDovreste comprare o vendere azioni USA con un’inflazione del 7,9% su base annua?

Dovreste comprare o vendere azioni USA con un’inflazione del 7,9% su base annua?

Mircea Vasiu

L'inflazione CPI principale negli Stati Uniti ha raggiunto il 7,9% su base annua, mentre l'inflazione CPI core si è attestata al 6,4% su base annua. Questo è un bene o un male per le azioni?

Il più importante dato economico degli Stati Uniti è stato pubblicato oggi: il rapporto sull'inflazione di febbraio. I prezzi di beni e servizi sono nuovamente aumentati su base mensile, dello 0,4% per l'inflazione CPI principale e dello 0,4% per i dati CPI core.

Sebbene in linea con le aspettative del mercato, si tratta del livello di inflazione più alto dal 1982. Il mercato azionario ha reagito rapidamente e tutti i principali indici sono in territorio profondamente negativo. Al momento della stesura di questo articolo, l'indice Dow Jones è sceso di oltre il -1,3%, l'S&P500 di oltre il -1,5% e il Nasdaq 100 di oltre il -2,3%.

Dettagli del rapporto sull'inflazione di febbraio

I prezzi dell'energia hanno guidato il rialzo dei dati sull'inflazione, +3,5% a febbraio. I prezzi della benzina sono aumentati di più, +6,6% nel mese, contribuendo ad un terzo dell'anticipo CPI di scadenza.

Oltre all'energia, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati dell'1%, segnando in alcuni casi il più forte aumento mensile dell'ultimo decennio. I prezzi delle carni e dei latticini sono aumentati.

Allora cosa ci aspetta dopo? Si dovrebbe prestare attenzione al fatto che questo rapporto è di febbraio. Ulteriori interruzioni dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari sono state causate dalla guerra Russia-Ucraina, iniziata a marzo.

Poiché la Russia è un importante fornitore di energia e l'Ucraina un importante fornitore di generi alimentari (ad esempio, grano e mais), si prevede che i prezzi dell'energia e dei generi alimentari aumenteranno ulteriormente a marzo.

In altre parole, anche se l'inflazione di febbraio ha raggiunto livelli che non si vedevano dal 1982, molto probabilmente non ha ancora raggiunto il picco. Pertanto, se le azioni statunitensi hanno reagito negativamente all'inflazione del 7,9% su base annua per febbraio, come si comporteranno quando il rapporto di marzo uscirà ad aprile?

Inoltre, la prossima settimana, la Fed dovrebbe aumentare il tasso sui fondi federali. Le azioni in genere non amano i cicli di inasprimento, quindi il pregiudizio è che avranno difficoltà a rimbalzare dai loro minimi.