HomeNews4 motivi per cui le azioni statunitensi rimangono in offerta nonostante le crescenti incertezze

4 motivi per cui le azioni statunitensi rimangono in offerta nonostante le crescenti incertezze

Mircea Vasiu

Le azioni statunitensi rimangono in offerta nonostante gli investitori abbiano molti motivi per essere preoccupati. Allora come mai le azioni non sono in forte calo?

Le azioni statunitensi sono rimbalzate bruscamente dai minimi del 2022 e hanno cancellato la maggior parte delle perdite. Ieri, le perdite dell'S&P 500 sono state solo del -5,6% per l'anno, l'indice Nasdaq 100 è sceso del -10,6% da inizio anno e il Russell 2000 del -7,4%.

Perché sta succedendo tutto ciò? Ecco quattro motivi per cui gli investitori continuano ad acquistare azioni:

  • La politica dei tassi reali è ai minimi storici
  • Il tasso di inflazione aumenta molto più velocemente dei rialzi della Fed
  • La stretta quantitativa è diversa questa volta
  • Anche questo ciclo è diverso

La politica dei tassi reali è ai minimi storici

Il tasso reale è la differenza tra i fondi federali e i tassi d'inflazione. Per quanto la Federal Reserve abbia aumentato il tasso la scorsa settimana, il tasso reale rimane ai minimi storici.

Pertanto, mentre la banca centrale inizia un nuovo ciclo di inasprimento, servirà del tempo prima che l'aumento del tasso si riversi nell'economia. Nel frattempo, le condizioni restano accomodanti.

L'inflazione aumenta molto più velocemente di quanto la Fed inasprisca

La Federal Reserve ha effettuato un aumento del tasso di 25 pb, ma l'inflazione corre ad un ritmo più elevato. A febbraio l'inflazione annuale ha raggiunto il 7,9%, il livello più alto da oltre quattro decenni.

Di questo passo, il rischio è che la pubblicazione di marzo mostri un aumento del tasso di inflazione molto più elevato rispetto al rialzo dei tassi attuato dalla Fed. Quindi, un altro aumento dei prezzi delle attività dovrebbe sostenere ulteriormente il rally delle azioni.

L'inasprimento quantitativo è diverso questa volta

Le azioni sono note per il rally durante il quantitative easing, quando il bilancio si espande. Ora, la Fed ha annunciato la fine del quantitative easing e inizierà a ridurre le dimensioni del suo bilancio, ovvero un inasprimento quantitativo.

Dovremmo aspettarci che il processo danneggi le azioni?

Non necessariamente. Se il Tesoro attinge a quei soldi emettendo nuove cambiali, la stretta quantitativa sarà neutralizzata.

Questo ciclo è diverso

Obbligazioni e materie prime agiscono in modo diverso, così come il mercato FX. Ad esempio, lo yen giapponese, noto da tempo come valuta rifugio, è stato venduto in modo aggressivo dopo l'inizio della guerra Russia-Ucraina.

In quanto tale, mantenere una mente aperta è la chiave per andare avanti. Una cosa è chiara: nonostante le crescenti incertezze, i mercati azionari statunitensi rimangono ben aperti.