HomeNews3 ottime ragioni per investire in borsa

3 ottime ragioni per investire in borsa

Mircea Vasiu

C’è sempre qualcosa che può spaventare gli investitori e spingerli a ritirare denaro dal mercato azionario. Tuttavia, mantenere gli investimenti a lungo termine è una decisione che si è rivelata vincente.

L’atteggiamento delle persone nei confronti degli investimenti è sempre stato oggetto di discussione. Solo negli ultimi anni una pandemia e una guerra nell’Est Europa hanno spaventato gli investitori facendoli restare lontani dal mercato azionario.

Ma investire è un impegno a lungo termine, o almeno dovrebbe esserlo. Il problema è che la maggior parte degli investitori al dettaglio ha aspettative a breve termine e tende a ritirare i propri fondi, il che, almeno guardando quello che è successo negli ultimi tre decenni, si è rivelato un errore. Quindi, ecco tre ragioni per investire a lungo termine nel mercato azionario:

  • Investire in azioni britanniche negli ultimi 33 anni avrebbe fruttato il 5,9% annuo
  • Gli shock del mercato azionario non spaventano gli investitori
  • L’inflazione e i bassi tassi di interesse erodono il valore del denaro

Tasso di crescita annuale del 5,9% per 33 anni di investimenti in azioni del Regno Unito

Uno studio di Schroders mostra che mille sterline investite nel mercato azionario britannico 33 anni fa avrebbero prodotto un tasso di crescita annuale del 5,9%. Acquistando l’indice FTSE All-Share nel 1989 e reinvestendo il reddito, mille sterline ora varrebbero 6.600 sterline.

Gli shock del mercato azionario non spaventano gli investitori

Gli ultimi anni ci hanno mostrato che gli shock del mercato azionario non spaventano gli investitori così facilmente. Molto probabilmente lo shock iniziale di una recessione porta molti a vendere le proprie azioni, ma c’è sempre qualcun altro pronto ad acquistare il calo.

L’esempio più recente viene dalla pandemia di COVID-19. Anche con la prospettiva della chiusura dell’economia globale, molti investitori hanno creduto e hanno acquistato il calo del mercato azionario in quello che si è rivelato essere il mercato ribassista più corto mai registrato.

L’inflazione ed i bassi tassi di interesse erodono il valore del denaro

Lo stesso studio citato in precedenza mostra che tenere i soldi “sotto il materasso” per lo stesso periodo si sarebbe concluso con un tasso di crescita annuo del -2,6%. Più precisamente, l’inflazione avrebbe consumato più della metà del valore di mille sterline in poco più di tre decenni.