HomeNews3 motivi per cui la Fed dovrebbe aumentare i tassi anche in questo momento

3 motivi per cui la Fed dovrebbe aumentare i tassi anche in questo momento

Mircea Vasiu

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha pianificato di aumentare il tasso sui fondi federali durante la riunione di marzo. Ora che i mercati finanziari sono in subbuglio, dovrebbe farlo comunque? Ecco tre argomenti a favore di un rialzo dei tassi.

Fino ad oggi, l'argomento principale nei mercati finanziari era l'inflazione e come faranno le banche centrali a far fronte all'inarrestabile aumento dei prezzi di beni e servizi. La riunione della Fed di marzo avrebbe dovuto portare non solo un aumento dei tassi di 25 pb, ma in molti si aspettavano anche un aumento di 50 pb.

Tutti uesti discorsi hanno visto un brusco cambiamento oggi. Quando l'Europa si è svegliata, la Russia aveva già invaso l'Ucraina.

Un'invasione su vasta scala di tutto il territorio ucraino porta l'Europa e il mondo in una guerra non voluta. Improvvisamente, né l'inflazione né la pandemia sono più argomenti importanti, impallidiscono di fronte alle vite perse e alle devastazioni della guerra.

Naturalmente, i mercati azionari globali sono crollati. I futures statunitensi sono scesi, gli indici europei sono crollati, come previsto in un ambiente privo di rischi. Ma ora che i mercati finanziari sono in fermento, la Fed dovrebbe continuare ad aumentare i tassi a marzo? Ecco tre motivi per cui dovrebbe farlo:

  • Una dichiarazione accomodante alimenterebbe ulteriormente le aspettative di inflazione
  • L'inflazione aumenterebbe ulteriormente se la spesa in deficit venisse utilizzata per finanziare una guerra
  • Il petrolio greggio WTI è stato scambiato oggi al di sopra di 100$/barile

Una dichiarazione accomodante porterebbe solo a aspettative di inflazione a lungo termine più elevate

A prima vista, una dichiarazione accomodante, quindi se non ci fosse un rialzo a marzo, innescherebbe un rally dei mercati azionari che sarebbe probabilmente temporaneo. Le aspettative di inflazione più elevate sono state la ragione per cui i mercati hanno registrato un rialzo nel 2022 e l'assenza di rialzo non farebbe che innescare aspettative di inflazione a lungo termine molto più elevate.

Pertanto, questo danneggerebbe maggiormente le azioni nel lungo periodo.

La spesa in deficit per finanziare la guerra amplificherebbe l'inflazione

Per finanziare una guerra, i governi usano la spesa in deficit per finanziarla. A lungo termine, una tale mossa finirebbe per costringere la banca centrale a fare un rialzo ancora più aggressivo, cosa che potrebbe essere troppo destabilizzante per l'attuale sistema finanziario.

Petrolio che supera i 100$/barile

Oggi, per la prima volta dal 2014, il greggio WTI è stato scambiato sopra i 100 dollari al barile. L'aumento dei prezzi del petrolio si traduce in un'inflazione più elevata, minacciando così il mandato di stabilità dei prezzi della Fed.

Tutto sommato, la Fed deve affrontare una decisione difficile a marzo. La guerra cambia tutto, ma le banche centrali potrebbero essere in grado di fare un rialzo in tempi incerti.